menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
 -1900

-1900

Messa in sicurezza discarica Musta-Favarotta, Terrana preoccupato

Intervento dell'assessore provinciale sul finanziamento della messa in sicurezza della discarica...

Preoccupata nota dell'assessore provinciale Vito Terrana, sulla possibilità che si perdano i finanziamenti sulla messa in sicurezza della discarica sita in località Musta-Favarotta. "Ancora una volta - dichiara Terrana - mi trovo costretto, in qualità di amministratore locale e adesso provinciale, ad intervenire affinchè un prezioso finanziamento da me seguito per la Messa in Sicurezza d'emergenza della discarica sita in località Musta-Favarotta, richiesto all'Agenzia Regionale dei Rifiuti e concesso il 16/04/2010, non sia vanificato. Un iter lungo e farraginoso ha permesso di ottenere la totale copertura finanziaria delle opere di messa in sicurezza, oltre alle spese sostenute per tutte le competenze tecniche e gli espropri propedeutici alla trasmissione del progetto esecutivo. Purtroppo dopo le mie dimissioni nulla è stato fatto".

"Il mio impegno -  continua Terrana - si è profuso in questa iniziativa nell'ottica di una rivalutazione del sistema ambientale del territorio di Campobello di Licata, nella tutela e salvaguardia dell'ambiente in cui viviamo in quanto ritengo che sia  indispensabile provvedere alla riqualificazione di quest'area al fine di mitigare ed eliminare ogni possibile fonte d'inquinamento presente sul territorio. Scopo del progetto è difatti quello di arginare tutte le possibili cause di inquinamento, raccogliere il percolato e ricoprire la discarica con un manto argilloso impermeabile che eviti il protrarsi dell'inquinamento. Sono fortemente amareggiato nell'apprendere che benchè sia nella facoltà del Comune accedere al finanziamento, ancora una volta - sottolinea l'assessore Terrana - l'incuria della amministrazione determina un disservizio alla collettività con l'aggravante del perpetuarsi di un inquinamento ai danni del territorio. In una gestione familiare nessuno mai avrebbe rinnegato/osteggiato l'ottenimento di un finanziamento, ma in un sistema amministrativo come quello del Comune di Campobello di Licata - conclude Terrana - si antepone la propria politica alle necessità e opportunità fornite. Sarò magari ripetitivo, ma sembra opportuno ribadire che nei momenti di vacche magre, quando i soldi non ci sono, non si possono usare; quando ci sono, ci si aspetterebbe quantomeno che chi amministra si armi di buona volontà e li usi nell’interesse della popolazione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento