Primo giorno di "pugno duro" al mercato, i controlli sono serviti

Ieri mattina ai commercianti della sezione alimentare è stato chiesto di differenziare i rifiuti prodotti, pena sanzioni e possibili sospensioni dell'autorizzazione alla vendita

"L'esperimento è riuscito al 95 per cento". L'assessore all'Ecologia Nello Hamel è soddisfatto del risultato raggiunto con il primo giorno di controlli operati al mercato del venerdì per spingere i commercianti a differenziare i rifiuti prodotti e a non abbandonare per strada, come era avvenuto finora, quanto scartato. 

Mercato del venerdì, Hamel: "Stop all'abbandono indiscriminato dei rifiuti"

Si è partiti, come noto, dalla sezione alimentare del mercato, che è la principale produttrice di umido. Ai "bancarellari" è stato fornito un volantino che indicava le prescrizioni da seguire e, soprattutto, le possibili sanzioni. 

49403667_10213965181224594_7067692100900356096_n-2

"Abbiamo trovato la massima collaborazione da parte loro - ha continuato Hamel - e in effetti, a fine giornata, i risultati sono stati ottimi. Adesso bisognerà consolidare questo fatto positivo e iniziare a lavorare sull'altra porzione del mercato, che è anche la più vasta, ovvero quella dove si vendono le altre categorie merceologiche e che producono soprattutto plastica e cartone. Anche loro - conclude - dovranno capire che è necessario cambiare l'attuale modo di agire perché il costo per il Comune sta diventando insostenibile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, traffico di droga e politica: scatta l'operazione "Oro bianco": 12 arresti, ecco i nomi

  • Fiumi di droga, estorsioni, minacce e il "braccetto" con la politica: ecco i dettagli dell'operazione "Oro bianco"

  • Scontro fra due auto nella zona industriale, muore impiegata 62enne

  • Rimorchio si sgancia da tir e travolge auto: due feriti, uno in gravi condizioni

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore (+79 in provincia): la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento