"Viola la misura dopo l'arresto per la scacciacani in Municipio": ai domiciliari

Il 53enne era finito nei guai - per porto di arma clandestina - lo scorso 31 dicembre quando venne venne trovato in possesso della pistola

Avrebbe violato le prescrizioni che gli erano state imposte. Il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Sciacca, Alberto Davico, ha così disposto l’aggravamento della misura. Arresti domiciliari, dunque, per il dipendente comunale di Menfi, Filippo Giarraputo, di 53 anni. L'uomo era stato arrestato - per porto di arma clandestina - perché il 31 dicembre scorso, in Municipio, venne trovato in possesso di una pistola. Dopo l’udienza di convalida venne rimesso in libertà con obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra le violazioni che gli verrebbero contestate anche una legata a una legata a un incidente stradale. A dicembre è stato un carabiniere a bloccarlo dopo avere ricevuto una segnalazione in merito al fatto che l’uomo nascondesse, sotto un giubbotto, una pistola. L’arma, che è stata sequestrata, era una scacciacani, ma con proiettile vero munito di ogiva ed avrebbe riportato modifiche tali che l’avrebbero resa idonea al fuoco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • Tornano a casa e la trovano occupata: scoppia il caos a Villaseta

  • S'è aperto il "fronte" tunisino: aumentano gli sbarchi e ci sono tanti "indesiderati"

  • Lampedusa brucia: incendiati i "cimiteri" dei barconi dei migranti, aperta un'inchiesta

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento