"Faceva prostituire la figlia minorenne", pm chiede tre condanne

Per la madre, la richiesta di pena è di 10 anni. Per gli altri due imputati del rito abbreviato, invece, è di otto anni

(foto ARCHVIO)

Il pubblico ministero, Sergio Mistritta, ha chiesto la condanna a 10 anni di reclusione e 120 mila euro per la madre della minorenne (aveva 14 anni all'epoca dei fatti) che sarebbe stata costretta ad avere rapporti sessuali a Menfi e Gibellina. L'imputata, alla quale sono stati contestati i reati di induzione alla prostituzione, si trova in carcere. La donna è difesa e rappresentata dall'avvocato Antonino Sutera. Sul banco degli imputati anche due uomini, che si trovano ai domiciliari. Questo processo si sta svolgendo con il rito abbreviato e dunque la requisitoria tiene conto della prevista riduzione di un terzo della pena. Gli altri due imputati, per i quali l'accusa è di aver compiuto atti sessuali con la ragazzina, sono i menfitani Calogero Friscia di 25 anni e Vito Campo di 69 che sono difesi dall'avvocato Calogero Lanzarone. Per loro, il pm ha chiesto la condanna a 8 anni. Lo riporta oggi il Giornale di Sicilia. 

La prossima udienza si terrà l'11 giugno e dopo la discussione della parte civile e delle difese, il giudice Ermelinda Marfia entrerà in camera di consiglio per la sentenza. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La ragazzina, secondo l'accusa, sarebbe stata costretta a subire rapporti sessuali e la madre avrebbe favorito accompagnandola nei luoghi dove avvenivano gli incontri sessuali per somme che andavano da 30 a 200 euro. Nell'inchiesta sono coinvolti anche Pietro Civello di 63 anni di Gibellina e Vito Sansone, 43 anni, di Menfi per i quali il processo - con rito ordinario - si celebra davanti al tribunale di Sciacca. L'indagine prese il via durante un posto di blocco dei carabineri, nel dicembre del 2017. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • I contagi da Covid-19 continuano ad aumentare, firmata l'ordinanza: ecco tutti i nuovi divieti

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Boom di contagi da Covid-19 ad Aragona, i genitori: "Prima la salute dei nostri figli, scuole chiuse subito"

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento