rotate-mobile
Cronaca Menfi

"Favoreggiamento dell'immigrazione clandestina", imputati ottengono i domiciliari

Sono accusati di fare parte di una organizzazione italo-tunisina dedita anche al contrabbando di sigarette

I due tunisini arrestati a Menfi nell’ambito dell’operazione denominata "Skorpion Fish" con l'accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina hanno ottenuto i domiciliari. Si tratta - secondo quanto riporta oggi il Giornale di Sicilia - di Akrem Toumi, di 41 anni, e della moglie, Sarra Khaterchi, di 33 anni.

I due sono accusati di fare parte di una organizzazione italo-tunisina dedita al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e al contrabbando di sigarette. Sono a giudizio e per loro il processo, in Corte di Assise, a Palermo, è iniziato il 14 maggio scorso. La Corte di Assise di Palermo ha accolto l’istanza dei difensori dei due, gli avvocati Francesco Di Giovanna, Filippo Di Giovanna e Giovanni Forte, ed ha concesso i domiciliari in un Comune del Siracusano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Favoreggiamento dell'immigrazione clandestina", imputati ottengono i domiciliari

AgrigentoNotizie è in caricamento