rotate-mobile
Cronaca Menfi

"Abusi sessuali su una 13enne", gli indagati fanno ricorso al Riesame

Anche la difesa della mamma della ragazzina, la romena finita in carcere per induzione alla prostituzione minorile, ha chiesto la revoca della misura sostenendo che manca l'attualità delle esigenze cautelari

Le difese di tutti gli indagati nell'inchiesta coordinata dalla Procura della Repubblica di Palermo su presunti abusi sessuali su una ragazzina di 14 anni hanno depositato istanza di revoca della misura cautelare al tribunale del Riesame di Palermo. L'avvocato Calogero Lanzarone - secondo quanto riporta oggi il Giornale di Sicilia - ha chiesto la revoca dei domiciliari per i menfitani Calogero Friscia, di 25 anni, e Vito Campo, di 69, che, nell'interrogatorio di garanzia, hanno risposto alle domande del giudice respingendo le accuse, e l'avvocato Giuseppe Buscemi per Vito Sansone, di 43, pure di Menfi, che dinanzi al gip si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Gip rigetta tre ricorsi e conferma misura 

Anche l'avvocato Nino Sutera, difensore della madre della giovane, la romena finita in carcere per induzione alla prostituzione minorile, ha chiesto al Riesame la revoca della misura sostenendo che manca l'attualità delle esigenze cautelari perché alla donna, di nazionalità romena, non contestano il pericolo di fuga, ma di inquinamento probatorio e di reiterazione del reato.

La madre indagata resta in silenzio davanti al giudice 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Abusi sessuali su una 13enne", gli indagati fanno ricorso al Riesame

AgrigentoNotizie è in caricamento