rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
La decisione / Ribera

“Tentò di uccidere medico con un taglierino”, 23enne ottiene i domiciliari

Accolta la richiesta della difesa. Il ragazzo è accusato di tentato omicidio dell’endocrinologo Alfredo Caputo dell’ospedale Cervello

Concessi gli arresti domiciliari al 23enne di Ribera accusato di aver tentato di uccidere il medico endocrinologo Alfredo Caputo dell’ospedale Cervello di Palermo. Il gip del tribunale del capoluogo siciliano ha infatti accolto la richiesta della difesa rappresentata dall’avvocato Giovanni Vaccaro. Adesso il giovane si trova in un centro sanitario di Sciacca che si occupa di riabilitazione psichiatrica. Il giovane è stato trasferito presso una struttura di Sciacca che si occupa di riabilitazione psichiatrica.

I fatti risalgono al 21 febbraio scorso quando il 23enne avrebbe aggredito il medico per la mancata prescrizione di un farmaco. Era armato di taglierino ma il professionista riuscì a salvarsi nonostante la furia del giovane che sarebbe riuscito comunque a colpirlo causandogli ferite al volto, all’orecchio e al braccio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Tentò di uccidere medico con un taglierino”, 23enne ottiene i domiciliari

AgrigentoNotizie è in caricamento