Mazzette al Comune e arresti, imprenditore intercettato: "Orlando è un cog..."

Il gip: "I costruttori e i professionisti coinvolti nella vicenda parrebbero pacificamente vedere nella corruzione una sorta di costo 'necessario' dei rispettivi lavori,  stabilmente preso in considerazione al fine di acquistare gli indebiti favori di pubblici ufficiali che possano coadiuvarli nella realizzazione dei rispettivi obiettivi economici"

"Orlando è un cog...", diceva, non sapendo di essere intercettato Giovanni Lupo, l'imprenditore (di San Giovanni Gemini) arrestato nel blitz anticorruzione di carabinieri e guardia di finanza che ha portato in carcere anche due consiglieri comunali di Palermo e due funzionari. Lo stallo sulla votazione in merito ai programmi costruttivi al centro degli interessi del comitato d'affari composto da politici-burocrati e imprenditori scoperto dagli investigatori lo irritava. "Se tu pensi da quanto tempo è ... quello che c'è voluto per portarlo all'ordine del giorno, da quanto tempo è all'ordine del giorno, una cosa di Procura", si sfogava.

Edilizia e mazzette, terremoto al Comune di Palermo: arrestati anche imprenditori agrigentini

Fabio Seminerio, l'architetto anche lui finito oggi ai domiciliari, annuiva. Era sulla stessa lunghezza d'onda. "Ma non è che può stare una cosa là, vent'anni! Queste cose stanno diventando veramente estenuanti. Quello è un continuo cambiare funzionari e dirigenti, e un continuo a non avere la gente con cui parlare". Un'incertezza e una lentezza che per i due indagati inevitabilmente si sarebbe tradotta in una perdita di consenso elettorale. "Questi voti, purtroppo, sai come va a finire? Allora tutti abbiamo votato... siccome Cammarata (l'ex sindaco di Palermo, ndr) non ha fatto niente, per reazione a Cammarata hanno votato Orlando! Questa volta, invece, per reazione a Orlando  voteranno più di un altro minchia!".

IL VIDEO. Arresti per corruzione al Comune di Palermo, le intercettazioni: "Ruotano da 1.000 a 2.000 voti"

Gip: "Corruzione per imprenditori è costo necessario per gli affari"

"I costruttori e i professionisti coinvolti nella vicenda parrebbero pacificamente vedere nella corruzione una sorta di costo 'necessario' dei rispettivi lavori,  stabilmente preso in considerazione al fine di acquistare gli indebiti favori di pubblici ufficiali che possano coadiuvarli nella realizzazione dei rispettivi obiettivi economici". Lo scrive il gip di Palermo, Michele Guarnotta, nell'ordinanza con cui ha disposto gli  arresti domiciliari per due consiglieri comunali, due dirigenti  comunali, due imprenditori e un architetto nell'ambito dell'operazione anti-corruzione di carabinieri e guardia di finanza. "Ciò che  maggiormente colpisce - secondo il gip - è la naturalezza con cui i protagonisti della vicenda per cui si procede addivengono a continui e
reiterati accordi corruttivi".

Giro di mazzette e arresti, gli imprenditori intercettati: "Tutti inconcludenti, livello amministrativo scarso"

Allo stesso modo "insidiosa ed allarmante" è la tipologia di corrispettivi erogati ai pubblici ufficiali infedeli, che, scrive il gip, "solo di rado, si è concretizzata nella promessa o nella dazione della tradizionale 'mazzetta', mentre in molti altri casi si è sostanziata in un complesso reticolo di assegnazioni di remunerativi incarichi professionali, tramite i quali è spesso riuscito più agevole anche occultare le correlate cause illecite sottostanti. Del resto, proprio l'assegnazione di detti incarichi - si legge nell'ordinanza -, oltre che meno appariscente delle classiche 'tangenti', rappresenta in realtà uno strumento con cui il pubblico ufficiale infedele può essere 'agganciato' in modo pressoché stabile, ritrovandosi inevitabilmente il soggetto corrotto in una posizione di stabile 'gratitudine' e, dunque, di stabile soggezione, dinanzi ai propri corruttori".

Gip: "Corruzione per indagati habitus mentale"

"Gli accertamenti svolti hanno ampiamente dimostrato come per gli odierni indagati la corruzione altro non sia che un vero e proprio habitus mentale che ne connota l'agire quotidiano. In tal senso, i pubblici ufficiali coinvolti nella presente indagine hanno palesato in modo inequivoco la propria  infedeltà agli apparati pubblici in cui si trovano incardinati, interpretando i rispettivi munera quali appetibili beni da mettere sul mercato onde conseguire continui vantaggi indebiti". E' un passaggio dell'ordinanza con cui il gip di Palermo. Per tutti l'accusa, a vario titolo, è di corruzione per un atto contrario ai doveri di ufficio, corruzione per l'esercizio della funzione e falso ideologico in atto pubblico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

      (fonte: AdnKronos)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento