Maxi discarica al Villaggio Mosè, 5 mesi dopo il sequestro imposta la bonifica

Il sindaco Lillo Firetto ha invitato i proprietari dell'area a provvedere entro e non oltre 30 giorni, a propria cura e a proprie spese, a rimuovere e smaltire tutti i rifiuti

Il Comune corre ai ripari. E lo fa con un'ordinanza con la quale viene imposta la bonifica della maxi discarica scoperta - quasi 5 mesi addietro - dai carabinieri della stazione del Villaggio Mosè. 

Lo scorso ottobre, i carabinieri sequestrarono - fra le altre - anche una discarica abusiva di circa 600 metri nei pressi di via Giardini al Villaggio Mosè. C'è di tutto in quell'immondezzaio: elettrodomestici, lastre di eternit, scarti di edilizia, vetro, legno, pneumatici fuori uso, imballaggi, plastica e residui di giardinaggio. E' stata, naturalmente, informata la Procura che ha disposto la bonifica dei luoghi. Lo scorso 20 febbraio, proprio i carabinieri hanno invitato il Comune di Agrigento a procedere alla bonifica per consentire il dissequestro dell'area. 

Sequestrate 12 discariche con 10 tonnellate di rifiuti: 5 denunciati

I responsabili del settore Sanità, Ecologia ed Energia di palazzo dei Giganti hanno identificato i due proprietari dell'area ai quali, nelle ultime ore, è stato ordinato - con tanto di ordinanza del sindaco Lillo Firetto - di provvedere entro e non oltre 30 giorni, a propria cura e a proprie spese, a rimuovere e smaltire i materiali classificati come speciali pericolosi e non e a bonificare l'intero appezzamento di terreno. "Se i destinatari dell'ordinanza sindacale non ottempereranno a quanto richiesto - viene scritto dal sindaco Firetto - si procederà a dichiarare l'inottemperanza e a trasmettere alla Procura il fascicolo". I proprietari del terreno per poter effettuare la bonifica hanno, naturalmente, bisogno - dalla Procura - l'autorizzazione all'accesso ai luoghi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due proprietari del terreno sono tenuti alla bonifica dell'area perché "non hanno adottato le più elementari misure per impedire l'accesso ai terreni, quali catene o sbarre dinanzi la strada d'ingresso o cartelli che precludono il passaggio e che valgano a segnalare che si tratta di una proprietà privata in cui è vietato l'accesso e ogni altra utilizzazione dell'area".  


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in viale Emporium, auto contro scooter: quattro feriti e un morto

  • Accusa un malore e si accascia, tragedia in città: muore un 35enne

  • Valle dei Templi gratis per tutti, gli arancini di Camilleri ed il Jazz: ecco il week end

  • La pistola illegale carica trovata nel negozio di Pelonero, tre indagati

  • Coronavirus, l'incubo non è finito: donna positiva al tampone

  • Posti vacanti all'Asp, si cercano figure: Sos operatori socio sanitari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento