Cronaca

L'arrivo dell'estate "sblocca" i matrimoni: più di 50 le coppie che hanno fatto le pubblicazioni

Da inizio maggio gli albi pretori di Comuni si sono tutti riempiti di giovani coppie che hanno deciso di dire il loro "sì", anche se molti, probabilmente, non immaginavano le nuove limitazioni di legge

Sono più di cinquanta le coppie di giovani agrigentini che, a partire dalla prima metà di maggio, hanno iniziato a richiedere le cosiddette "pubblicazioni", primo passo burocratico per potersi sposare sia con rito civile che con rito religioso.

Uno "sbocciare" di provvedimenti che deriva non solo dall'arrivo della bella stagione, ma soprattutto, (un mese fa) dalla speranza che le misure restrittive richieste per cerimonie e banchetti - che di fatto saranno autorizzati solo a partire dal 15 giugno - sarebbero state allentate per permettere di festeggiare (in sicurezza) un giorno tanto importante.

Ristoranti dalla mascherina ai menu: eccole le regole da rispettare

Per molti deve essere stato un colpo non da poco scoprire che in realtà le nuove norme prevederanno tra l'altro l'obbligo di "green pass" o di tampone per tutti gli invitati, questo al netto di eventuali abusi e "furberie" di cui ci parlano ancora troppo spesso le cronache, con cerimonie "mascherate" da altro. La tecnica più diffusa (tra i pochi che non rispettano le regole) è quella di scegliere locali che non facciano solo rinfreschi ma anche semplice ristorazione e fingere che le prenotazioni non siano tutte collegate le une alle altre per quanto i numeri a disposizione siano ovviamente più ridotti di quelli di un "classico" matrimonio.

Comportamenti più o meno rischiosi per la diffusione del Covid, stante che ancora oggi i focolai più numerosi sono conseguenza di feste, banchetti o iniziative abusive di questo tipo. Con il rischio, evidente, di trasformare il "giorno più bello" in un incubo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'arrivo dell'estate "sblocca" i matrimoni: più di 50 le coppie che hanno fatto le pubblicazioni

AgrigentoNotizie è in caricamento