"Materiali smaltiti irregolarmente e inquinamento", sequestrata autodemolizioni

Si tratta del terzo, analogo, caso. I controlli della polizia Ferroviaria, dell'Arpa e del Libero consorzio andranno avanti

(foto ARCHIVIO)

Materiali ferrosi ammassati in malo modo, vecchi pneumatici di auto smaltiti irregolarmente e olio esausto sversato sul terreno. Per reati ambientali – violazione delle norme e presunto inquinamento - la polizia Ferroviaria di Agrigento e Palermo, assieme al personale dell’Arpa e del Libero consorzio comunale, ha sequestrato un impianto di autodemolizioni, in territorio di Agrigento. Il provvedimento dovrà, adesso, essere convalidato dal giudice per le indagini preliminari. Anche quest’area, sottoposta a sequestro preventivo, è stata messa a disposizione della Procura della Repubblica di Agrigento. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si tratta del terzo sequestro, messo a segno in un mese, di impianti tutti dello stesso genere. Ma non è finita. Gli agenti della Polfer di Agrigento, assieme al personale dell’Arpa e del Libero consorzio comunale, continueranno ad effettuare controlli mirati e a campione alle autodemolizioni della provincia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Movida a rischio, altra rissa tra giovanissimi a San Leone: volano pugni

  • Gli cade il telefonino, torna indietro e non lo ritrova più: avviate indagini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento