Mastello distrutto, spunta un cartello: "Adesso chi lo ricompra a mia madre?"

Succede a San Leone, un agrigentino stanco dei continui e presunti danneggiamenti ai cestelli, ha deciso di scrivere una "lettera" ai netturbini

Il messaggio per i netturbini

“Avete rotto l’ennesimo cestello dell’umido. Che intenzione avete? Adesso glielo comprate voi un cestello nuovo a mia madre?”.Recita proprio così, il cartello che un agrigentino ha deciso di esporre fuori dalla propria abitazione.

Stanco dei continui e presunti danneggiamenti dei suoi mastelli, ha pensato di “scrivere” ai netturbini della sua zona. Tutto questo, accade nei pressi di San Leone. Il cestello, a dire dell’agrigentino, è stato ancora una volta distrutto. Cosa fare? Invitare i netturbini a farsi carico delle spese.

Un avviso quasi goliardico che di certo non è passato e non passerà inosservato. L’agrigentino, di certo, non l’ha presa bene. Il messaggio è diventato anche un post sui social, parole che si candidano a diventare virali.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, nel "valzer" di guarigioni e nuovi contagi c'è una nuova vittima: è un grottese

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento