rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca Cattolica Eraclea

Marmista massacrato nel suo laboratorio, maresciallo del Ris: "L'assassino ha rovistato nei cassetti"

Un sottufficiale rivela: "Ci sono tracce di sanugue e impronte digitali anche nei documenti all'interno"

L'assassino di Giuseppe Miceli, il marmista di 67 anni, massacrato nel suo laboratorio nella notte fra il 7 e l'8 dicembre del 2015, prima di andarsene ha aperto i cassetti della scrivania e rovistato fra i documenti. Lo ha detto il maresciallo Lorenzo Nicolosi del Ris di Messina deponendo al processo, in corso davanti alla Corte di assise presieduta da Wilma Angela Mazzara, a carico di Gaetano Sciortino, 55 anni, al quale nelle scorse settimane è stata attenuata la misura cautelare e gli sono stati concessi gli arresti domiciliari con l'applicazione del braccialetto elettronico.

"Nei cassetti della scrivania ci sono delle tracce di sangue - ha detto il sottufficiale del reparto di investigazioni scientifiche dell'Arma - e alcune impronte digitali. I cassetti sono stati aperti e sono stati toccati dei documenti che abbiamo refertato". Si tratta di documenti bancari, estratti conto della posta e materiale simile. Due le ipotesi: il killer cercava soldi oppure dei documenti. Il mistero, al momento, è proprio attorno al movente. 

Nicolosi ha aggiunto: "Ci sono delle impronte digitali sui fogli ma non abbiamo eseguito noi gli accertamenti per individuare di chi fossero". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marmista massacrato nel suo laboratorio, maresciallo del Ris: "L'assassino ha rovistato nei cassetti"

AgrigentoNotizie è in caricamento