Marmista massacrato nel suo laboratorio, maresciallo del Ris: "L'assassino ha rovistato nei cassetti"

Un sottufficiale rivela: "Ci sono tracce di sanugue e impronte digitali anche nei documenti all'interno"

Da sinistra Miceli e Sciortino

L'assassino di Giuseppe Miceli, il marmista di 67 anni, massacrato nel suo laboratorio nella notte fra il 7 e l'8 dicembre del 2015, prima di andarsene ha aperto i cassetti della scrivania e rovistato fra i documenti. Lo ha detto il maresciallo Lorenzo Nicolosi del Ris di Messina deponendo al processo, in corso davanti alla Corte di assise presieduta da Wilma Angela Mazzara, a carico di Gaetano Sciortino, 55 anni, al quale nelle scorse settimane è stata attenuata la misura cautelare e gli sono stati concessi gli arresti domiciliari con l'applicazione del braccialetto elettronico.

"Nei cassetti della scrivania ci sono delle tracce di sangue - ha detto il sottufficiale del reparto di investigazioni scientifiche dell'Arma - e alcune impronte digitali. I cassetti sono stati aperti e sono stati toccati dei documenti che abbiamo refertato". Si tratta di documenti bancari, estratti conto della posta e materiale simile. Due le ipotesi: il killer cercava soldi oppure dei documenti. Il mistero, al momento, è proprio attorno al movente. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nicolosi ha aggiunto: "Ci sono delle impronte digitali sui fogli ma non abbiamo eseguito noi gli accertamenti per individuare di chi fossero". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neonato con la febbre a 40 e sospetti sintomi di Covid-19, attesa per il tampone

  • "Quanto dolore, passa un'ambulanza ogni sei minuti e tanti amici hanno il Covid-19": l'agrigentina Giusy in "trincea" a Bergamo

  • Morì nella sua abitazione, il tampone Covid-19 è risultato "positivo"

  • Anziano muore in casa propria, aveva febbre alta e tosse: sospetto Covid-19? Avviate le verifiche

  • Caso di Covid-19 anche a Porto Empedocle: contagiato il marito del sindaco

  • Covid-19, piccolo ma costante aumento di contagi: l'Agrigentino è arrivato a 57 tamponi positivi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento