rotate-mobile
Cronaca Lampedusa e Linosa

Caso "Mare Jonio", l'appello del ministro Salvini: "Conto che vengano arrestati"

Il vice premier: "Nessun pericolo di affondamento né rischio di vita per persone a bordo, nessun mare in tempesta"

"Se un cittadino forza un posto di blocco stradale di polizia o carabinieri, viene arrestato. Conto che questo accada". Lo ha detto il ministro dell'Interno Matteo Salvini, parlando della "Mare Jonio". "Nessun pericolo di affondamento né rischio di vita per persone a bordo, nessun mare in tempesta".

Salvini: "Non sbarca nessuno, è favoreggiamento dell'immigrazione clandestina"

"Ho appena parlato con il ministro dell'Interno Matteo Salvini. Stiamo verificando il rispetto della legalità. Ci risultano diverse irregolarità: la Ong che è italiana ha agito senza aver ascoltato gli ordini della Guardia Costiera libica, andando contro questi ordini". Lo afferma il vicepremier Luigi Di Maio.

La Procura di Agrigento "studia" le comunicazioni fatte via radio 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso "Mare Jonio", l'appello del ministro Salvini: "Conto che vengano arrestati"

AgrigentoNotizie è in caricamento