menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Marcella Carlisi

Marcella Carlisi

Crisi idrica, il Movimento 5 stelle: "A quando la rescissione del contratto con Girgenti acque?"

Le consigliere Carlisi e Monella intervengono sui problemi subiti dai cittadini relativamente al servizio di distribuzione idrica. "Turni annullati, acqua sporca. Chi interviene?" scrivono

Il Movimento 5 stelle di Agrigento, rappresentato in Consiglio comunale da Marcella Carlisi e Rita Monella, interviene sulla crisi idrica che, come da consuetudine, interessa la città nel periodo estivo.

"Turni dilatati, pubblicati sul sito di Girgenti Acque, annullati nell’arco di poche ore e quando l’acqua arriva è pure sporca. Il sindaco sembra non accorgersi che il privato si è impadronito dell’acqua che cade spontanea sulla terra ma che, al toccare del suolo, diventa proprietà esclusiva di alcune società commerciali che la distribuiscono, bontà loro, ai cittadini a caro prezzo. Il sindaco abita fuori Agrigento, non ha problemi idrici? E i componenti della giunta? Ed i consiglieri di maggioranza? Nessuno subisce la sete? Perchè nessuno dice niente? Noncuranza, leggerezza o classe politica disponibile con gli imprenditori e meno con il popolo? Nei giorni scorsi - aggiungono - in via Guinizelli è stata distribuita acqua inquinata. Il sindaco si è limitato e fare un’ordinanza per proibirne l’uso umano. Ma è umano che la Girgenti Acque fornisca acqua inquinata? Ha provveduto a denunciare Girgenti Acque per attentato alla salute pubblica? Il sindaco, dunque, acconsente che il gestore distribuisca acqua inquinata e ne proibisce l’uso, ma non proibisce al gestore di distribuirla. E’ stato sequestrato il depuratore del Villaggio Mosè. Il primo cittadino, in quanto responsabile della salute pubblica, ha denunciato il gestore per attentato alla sanità pubblica? Il sindaco si è mai recato in via Sirio a constatare di persona come vivono e cosa respirano gli abitanti? Forse ha paura di essere assalito dai topi grossi come gatti. Non essendoci depuratore, il liquame si riversa in mare inquinando la costa. Il sindaco ha provveduto a denunciare Girgenti Acque per disastro ambientale? Ormai il gestore idrico è assoluto padrone, non ubbidisce più a nessuno, nessuno lo controlla efficacemente. Non fornisce acqua agli abitanti, pretende pagamenti immediati e aumenta tariffe a proprio piacimento. L’Ato idrico non interviene, il sindaco non interviene e la città continua a patire la sete pagando per continuare ad essere assetata. A quando la rescissione del contratto?".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento