Cronaca

Furti alla media "Pietro d'Asaro" di Racalmuto, il paese si mobilita

Il sindaco di Racalmuto, Emilio Messana, è intervenuto in merito al furto subito, il secondo in poco tempo, dalla scuola media "Pietro d'Asaro". Il primo cittadino ha annunciato che martedì 1 marzo, alle 11, si terrà un corteo di mobilitazione popolare

Il sindaco di Racalmuto, Emilio Messana, è intervenuto in merito al furto subito, il secondo in poco tempo, dalla scuola media "Pietro d'Asaro". Il primo cittadino ha annunciato che martedì 1 marzo, alle 11, si terrà un corteo di mobilitazione popolare.

«Sono stato a scuola stamane, la dirigente Rosa Pia Raimondi mi ha accompagnato per le aule con le lavagne luminose danneggiate, spente e monche. I ladri si sono portati via sette video proiettori, mixer, microfoni. Due raid in poco meno di un mese, - ha detto Messana - per negare ai nostri ragazzi il diritto e il piacere dell'apprendimento moderno, interattivo, multimediale.

L'assessore Carmela Matteliano aveva già individuato le risorse per rimediare al furto dei primi video proiettori; adesso lo sforzo per riaccendere le lavagne luminose si moltiplica. Violare una scuola provoca un enorme danno sociale, turba la serenità dei ragazzi, profana i luoghi dedicati alla loro educazione, alla conoscenza, al divertimento.

L'idea della scuola di promuovere una manifestazione è quella giusta - ha aggiunto il sindaco -. Occorre reagire, tutti insieme, protestare l'indignazione della comunità e mobilitarsi per proteggere le nostre istituzioni. Serve da monito per i delinquenti e i balordi e per nutrire nei nostri ragazzi il sentimento di legalità e di rispetto dei beni pubblici. Partiremo in corteo domani, martedì 1 marzo alle 11 dalla Scuola media "Pietro D'Asaro", percorreremo la via Filippo Villa, la via Leonardo Sciascia, attraverseremo il corso e ci fermeremo al Municipio».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti alla media "Pietro d'Asaro" di Racalmuto, il paese si mobilita

AgrigentoNotizie è in caricamento