Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mandorlo in fiore: in arrivo i gruppi folk di 28 Paesi, la kermesse costerà meno di 750 mila euro

La presentazione degli spettacoli è stata affidata al duo Anna Falchi e Sasà Salvaggio con la partecipazione dei comici “I soldi spicci”. Le esibizioni arriveranno anche nei rioni periferici

 

Gruppi provenienti da 28 Paesi in rappresentanza di 4 continenti. Sono questi i numeri record dell’edizione 75 del Mandorlo in fiore di Agrigento in programma dal 28 febbraio all’8 marzo. 

Naro "attende" la sagra del Mandorlo in fiore pubblicando degli scatti inediti

Il Parco archeologico Valle dei Templi che organizza la kermesse, per l’edizione del 2020, ha voluto rendere omaggio alla città che celebra i 2600 anni dalla fondazione: i momenti salienti della manifestazione coinvolgeranno, infatti, tutti i quartieri. Oltre alle tradizionali location del Palacongressi e delle vie del centro città, i gruppi saranno presenti, ad esempio, anche a Villaseta, Villaggio Peruzzo, Giardina Gallotti e in tutte le atre frazioni.

LA VIDEO INTERVISTA. Mandorlo in fiore: 40 gruppi folk, cortei storici e bande, Di Maida: "Sarà un’edizione straordinaria”

Anche quest’anno sarà il festival “I Bambini del mondo”  ad aprire le danze della kermesse.

All’ex collegio dei Filippini si è svolta la conferenza di presentazione del programma alla presenza, tra gli altri, del direttore del Parco archeologico Roberto Sciarratta, dei due consulenti a cui è stata affidata l’organizzazione della manifestazione: Raffaele Sanzo e Giovanni Di Maida e del sindaco di Agrigento, Lillo Firetto. Nuova veste grafica anche per il logo del Mandorlo in fiore ideato dall’architetto Barbara Spallitta e che celebra i 2600 di storia di Akragas con la raffigurazione di una menade, ispirata ad un cratere custodito nel museo archeologico Pietro Griffo.

Ancora da definire l’elenco ufficiale dei  gruppi partecipanti e il budget economico che comunque, secondo il direttore del Parco archeologico: Sciarratta, dovrebbe essere inferiore ai 750 mila euro della scorsa edizione. La presentazione degli spettacoli è stata affidata al duo Anna Falchi e Sasà Salvaggio con la partecipazione dei comici “I soldi spicci”.
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento