menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Neculai Ursu

Neculai Ursu

Era ricercato in Romania, arrestato uomo a Campobello di Licata

Neculai Ursu, romeno di 34 anni, già noto alle Forze dell’ordine italiane, deve espiare la pena definitiva di un anno di reclusione perché responsabile del reato di furto

I carabinieri della Stazione di Campobello di Licata, nella mattinata di ieri, hanno arresto Neculai Ursu, romeno di 34 anni abitante a Campobello di Licata, già noto alle Forze dell’ordine italiane, destinatario di un mandato di cattura europeo emesso su richiesta delle autorità della Romania. L'uomo, infatti, deve espiare la pena definitiva di un anno di reclusione perché responsabile del reato di furto, commesso in Romania il 28 febbraio del 2012.

L’arrestato, espletate le formalità di legge, è stato portato nel carcere di contrada "Petrusa", ad Agrigento, a disposizione della competente autorità giudiziaria.

L’uomo già il 3 dicembre del 2013 era stato sottoposto dai carabinieri a fermo di polizia giudiziaria, unitamente ad altri due suoi connazionali, perché responsabili a vario titolo dei reati di ricettazione e detenzione illegale di armi in concorso: a seguito di una perquisizione personale e veicolare, poi estesa alle rispettive abitazioni, era stato rinvenuto un grosso quantitativo di materiale di provenienza illecita. Nella circostanza i carabinieri avevano trovato 370 chili di cavi in rame per impianti di media tensione, di proprietà della società "Enel distribuzione s.p.a."; una pistola revolver, calibro 44, priva di marca e matricola, in pessimo stato d’uso, non funzionante; 200 litri di gasolio contenuto in 10 taniche di probabile provenienza illecita; una minimoto priva di marca; un cane di razza "Corso", di 3 mesi circa, risultato poi rubato a Racalmuto il 17 ottobre del 2013 ad un noto avvocato agrigentino; vari utensili per l’edilizia; pc, tablet, televisori, ricevitori satellitari e altro materiale elettronico.

Tutto il materiale è stato posto sotto sequestro in attesa della restituzione ai legittimi proprietari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento