menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maltrattamenti in famiglia, scagionato 37enne di Racalmuto

Eugenio Capitano era accusato d'aver picchiato il padre. Adesso è stato assolto perché, secondo il giudice, "il fatto non sussiste"

"Il fatto non sussiste". È questo il verdetto che il giudice monocratico del tribunale di Agrigento, Gianfranca Infantino, ha scagionato Eugenio Capitano, 37 anni, di Racalmuto, difeso dall'avvocato Daniela Posante. Capitano è in carcere dal giorno dello scorso Natale dopo che venne accusato d'aver picchiato il padre

Adesso è stato assolto. Non torna però libero solo perché, nei giorni scorsi, è diventata definitiva una sentenza di condanna. Capitano era imputato di maltrattamenti in famiglia. Titolo di reato per il quale c'è stato il pronunciamento: "Il fatto non sussiste". Ma era imputato anche di lesioni aggravate. Il padre ha però ritirato la querela di parte. 

Il pm, Alfonsa Fiore, al termine della requisitoria aveva chiesto la condanna a 4 anni di reclusione.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento