"Disabile e anziana picchiata e torturata con l'acqua da sorella e nipote", madre e figlio dal gup

Il pubblico ministero Gloria Andreoli ha chiesto il processo per una donna licatese di 48 anni - Maria Concetta Lo Iacono - e per il figlio Antonino Mulè di 21 anni: le vittime si sono costituite parte civile

FOTO ARCHIVIO

Schiaffi, pugni, spintoni e persino torture con un secchio pieno di acqua gelida lanciato addosso mentre dormiva per costringerla a restare su una sedia. Sevizie che sarebbero andate avanti per anni. A farne le spese un'anziana e la figlia disabile oltre al loro cane che sarebbe stato brutalmente bastonato in maniera gratuita.

Pochi mesi dopo il provvedimento cautelare del gip Francesco Provenzano, che stabiliva il divieto di avvicinamento e l'allontanamento dalla casa, la vicenda approda in aula per l'udienza preliminare. Il pubblico ministero Gloria Andreoli ha chiesto il processo per una donna licatese di 48 anni - Maria Concetta Lo Iacono - e per il figlio Antonino Mulè di 21 anni. L'accusa, per entrambi, è di maltrattamenti, lesioni personali, lesioni colpose e maltrattamenti di animali. Vittime delle presunte sevizie la madre e la sorella dell'imputata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'udienza preliminare, davanti al giudice Stefano Zammuto, è iniziata oggi e le vittime - assistite dagli avvocati Angelo Benvenuto e Lucia Amoroso - si sono costituite parti civili. Il difensore degli imputati, l'avvocato Giuseppe Glicerio, ha chiesto, invece, un breve rinvio per valutare il rito abbreviato o il patteggiamento e il giudice lo ha concesso aggiornando l'udienza a martedì. Le violenze si sarebbero consumate dal gennaio del 2018 all'ottobre del 2019. Le due donne, secondo quanto ipotizza il pm che ha raccolto le loro denunce, sarebbero state ripetutamente percosse e aggredite con schiaffi, pugni e spinte. L'atteggiamento intimidatorio, inoltre, sarebbe consistito nel prospettargli di farle ricoverare in manicomio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Passeggero della Tua positivo al Covid 19, l'Asp: "Chi ha viaggiato su questo bus ci contatti immediatamente"

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): 6 per Agrigento, arrivano i primi tamponi rapidi

  • Si sente male in spiaggia e si accascia, inutili i soccorsi: muore 66enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento