rotate-mobile
Tribunale

"Maltratta la moglie e la controlla con il gps": condannato parrucchiere

Tre anni e sei mesi di reclusione al 46enne accusato di avere picchiato la donna e di averla costretta a subire numerosi soprusi: pure il figlio sarebbe stato vittima delle violenze

Tre anni e 6 mesi di reclusione per l'accusa di maltrattamenti ai danni della moglie e del figlio della donna. Sono stati inflitti dal giudice monocratico del tribunale di Agrigento, Francesco Provenzano, nei confronti di un parrucchiere agrigentino di 47 anni. 

All'imputato si contestava di avere ripetutamente picchiato la moglie e di averla sottoposta a vessazioni e violenze di vario tipo. Soprusi di cui sarebbe stato vittima anche il figlio che la donna aveva avuto da una precedente relazione. Il parrucchiere, inoltre, secondo quanto è stato riconosciuto durante il processo, avrebbe controllato gli spostamenti della donna con un gps.

Il giudice lo ha condannato pure a risarcire le vittime che si sono costituite parte civile. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Maltratta la moglie e la controlla con il gps": condannato parrucchiere

AgrigentoNotizie è in caricamento