Cronaca

Schiaffi e frustate nell'asilo di Villafrati, la maestra arrestata ai bimbi: "Vi taglio la lingua"

I retroscena dell'inchiesta dei carabinieri che hanno portato ai domiciliari Maria Pia Traina, che in passato era già finita sotto processo per presunti maltrattamenti agli alunni di una scuola di Prizzi ed era stata assolta. Insulti e umiliazioni intercettati dopo la denuncia di una mamma. Il gip: "L'indagata è un soggetto fuori controllo"

"Oggi ti frusto, ti faccio male", "vi taglio la lingua con un coltello" e ancora "ti metto un tappo in bocca e ti mando a casa" e "puoi piangere quanto vuoi, non m'interessa e se non vieni a scuola è meglio", "ti do un pugno in testa", sono soltanto alcune delle frasi che Maria Pia Traina, 46 anni, l'insegnante di Santo Stefano Quisquina della scuola dell'infanzia di Villafrati finita agli arresti domiciliari, avrebbe urlato ai suoi piccoli alunni, bimbi di neppure 4 anni. Una classe in cui sarebbero volati anche schiaffi, tirate d'orecchio e sculacciate. L'indagata - secondo la Procura - avrebbe addirittura dato frustate con guanti di lattice e umiliato i bambini, impedendo loro - per esempio - di andare in bagno.

La maestra era già finita sotto processo per maltrattamenti

Uno "scenario di violenza fisica e verbale di sopraffazione" e di "costanti e continue vessazioni, umiliazioni, fisiche e psicologiche, agite dalla maestra", rimarca il gip di Termini Imerese Angela Lo Piparo nell'ordinanza di custodia cautelare e non esita a definire Traina come "un soggetto davvero fuori controllo". Il giudice ha accolto la richiesta del sostituto procuratore Chiara Salerno Cardillo, che ha coordinato le indagini dei carabinieri. Peraltro l'indagata, originaria di Santo Stefano Quisquina, in provincia di Agrigento, era già finita in passato sotto processo per i maltrattamenti che avrebbe inflitto agli alunni di una scuola di Prizzi, ma poi era stata del tutto scagionata.

La denuncia: "Mamma, la maestra mi ha dato le botte"

L'inchiesta è nata dalla denuncia di una mamma, che avrebbe notato dei cambiamenti nel comportamento della figlioletta, che sarebbe stata agitata e avrebbe anche riferito che la maestra le avrebbe "dato le botte", tanto da non voler più andare a scuola. Gli altri genitori, però, non si sarebbero accorti di nulla. A marzo erano state così avviate le intercettazioni nella classe, composta da appena 5 bambini per via dell'emergenza sanitaria. Nonostante non si sarebbe trattato di una situazione ingestibile, secondo l'accusa la maestra avrebbe avuto un atteggiamento aggressivo con i piccoli e spesso avrebbe passato il suo tempo al cellulare.

"Vatti a sedere, mi sono stancata"

Come sarebbe emerso dai video, l'indagata avrebbe scosso energicamente i bambini intimando loro di stare fermi, seduti e zitti, sbattuto con forza il palmo della mano sul banco, gridando di fare silenzio, ma avrebbe anche puntato il dito vicino al volto dei bambini urlando per esempio "vatti a sedere, mi sono stancata". Il 27 aprile Traina avrebbe strattonato uno dei bambini per fargli indossare il giubotto, urlandogli "testa di rapa sei!". Il 29 avrebbe colpito un altro alunno con un schiaffo a un braccio, mentre il 30, a un bimbo che chiedeva di andare in bagno, avrebbe risposto: "Vattene a sedere che non ci credo che devi fare pipì, sei falso". Lo stesso giorno se la sarebbe presa anche con una bimba, dicendole: "Vergogna, muta, vergogna".

"Ti metto un tappo in bocca!"

Il 3 maggio, secondo l'accusa, la maestra avrebbe dato uno schiaffo in testa a un alunno per farlo stare seduto, gridando: "Ti metto un tappo in bocca e ti mando a casa, meglio che non vieni più a scuola". Il 4 avrebbe costretto un altro bimbo a sedersi schiacciandogli la testa con la mano e davanti alla sua resistenza l'avrebbe trascinato con forza per un braccio, gridando "puoi piangere quanto vuoi, non m'interessa, se non vieni più a scuola meglio" e poi se la sarebbe presa con un altro, stringendogli forte un braccio perché mentre mangiava avrebbe fatto cadere delle briciole sul tavolo.

Le frustate col guanto di lattice

Il 5 maggio avrebbe gridato a uno dei bimbi: "Ma che hai? E' possibile che quando prendo le costruzioni ti devo richiamare sermpre, 'sto monello, metti la zizzania" per poi dare tre frustate con un guanto in lattice sulla schiena e sulla guancia sinistra al piccolo. A un altro avrebbe afferrato la manica del grembiule e urlato "appena esci e mi segui sono guai", colpendolo in faccia con uno schiaffo e tirandogli l'orecchio. Il 7 la maestra avrebbe strappato dalle mani di una bimba un disegno e le avrebbe detto: "Domani non venire, non ti voglio".

"Vi taglio la lingua con un coltello"

Dalle intercettazioni verrebbe poi fuori che l'11 maggio l'insegnante avrebbe afferrato per un braccio un alunno trascinandolo per farlo sedere, dicendogli: "Hai chiuso la bottiglia, ti do un pugno in testa" e puntandogli un dito con forza contro la guancia, mentre il 12 avrebbe colpito sempre con un pugno in testa una bimba, dicendole: "Te lo meriti". Successivamente avrebbe colpito un banco con violenza per fare stare zitti i bambini e, mentre sarebbe stata al telefono, avrebbe brandito il cavetto del caricabatteria del cellulare verso un alunno dicendogli: "Oggi ti frusto con questo, ti faccio male, svergognato, pezzo di maleducato, cretino". Avrebbe anche colpito con degli schiaffi sulle ginocchia una bimba, urlando "sfacciata maledetta", prima di gridare a tutta la classe: "Vi taglio la lingua con il coltello" mimando il gesto e prendendosela poi con un'alunna: "Da domani è meglio che ti metti la testolina a posto, questa qui malata che hai", dandole uno schiaffo e dicendole "sei inutile, una cosa inutile".

"Non posso avere una vita con questa maledetta classe"

Il 13 maggio la maestra avrebbe segnato con un pennarello nero il braccio di un bimbo che si sarebbe alzato dal banco, ne avrebbe poi afferrato un'altra alle spalle, strattonandola e scaraventandola su una sedia, facendole sbattere la testa contro uno spigolo del banco, gridando "sei pazza, folle e scema", "levati di mezzo, botta di sale" spingendo un'altra bimba e facendola cadere e sbattere la testa contro un banco. Mentre la piccola piangeva, la maestra le avrebbe detto: "Ti sta bene, sempre in mezzo sei". Nei giorni successivi avrebbe gridato a un'alunna "sei una facchina stattene a casa" e a un'altra "le pernacchie valle a fare a tua madre" e a tutta la classe: "Maleducati, facchini, avete fatto schifo, possibile che non posso avere una vita con questa maledetta classe".

Il gip: "Violenza con un'incredibile frequenza quotidiana"

I bambini erano solo cinque, "dunque - scrive il gip - la loro gestione da parte dell'insegnante non appare connotata da particolari difficoltà. Si tratta di bimbi che paiono non particolarmente vivaci o agitati: stanno tendenzialmente nel loro banco ed eseguono le direttive dell'insegnante, quando lei se ne cura. Cercano di giocare ed interagire fra loro così come è giusto che sia. L'indagata oltre a non curarsene quasi ed a spendere gran parte del tempo al telefono, aggredisce i piccoli con parolacce ed insulti vari, accompagnati da gesti aggressivi ed umilianti. In almeno due occasioni impedisce loro di andare in bagno e li accusa di essere bugiardi. Le condotte si ripetono con una incredibile frequenza quotidiana".

Gli sguardi impauriti dei bimbi

Rimarca infine il gip che "si colgono gli effetti della violenza negli sguardi impauriti dei bimbi (...) si tratta di condotte gravissime suscettive di incidere pesantemente sulla sana crescita dei minori vittime degli episodi". Il giudice non esita a parlare di uno "stile educativo vessatorio e violento, costellato da punizioni umilianti e privazioni (come non potere andare in bagno)" riferendosi ai metodi che sarebbero stati usati dalla maestra.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Schiaffi e frustate nell'asilo di Villafrati, la maestra arrestata ai bimbi: "Vi taglio la lingua"

AgrigentoNotizie è in caricamento