rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

"Maltratta ex moglie, tenta di strangolarla e di sfondarle la porta di casa": condannato

Un anno e sei mesi di reclusione per un trentacinquenne che dovrà pure risarcire la donna

Un anno e sei mesi di reclusione e la condanna al risarcimento dei danni nei confronti di un trentacinquenne accusato di avere maltrattato, vessato, picchiato con calci e pugni e stretto le mani al collo dell’ex moglie accennando anche a un tentativo di strangolamento.

La sentenza è stata emessa dal giudice dell’udienza preliminare Luisa Turco. In precedenza, il pubblico ministero Antonella Pandolfi aveva chiesto la condanna a tre anni di reclusione. 

La vittima, che lo ha denunciato due volte facendolo finire a processo, sarebbe stata l’ex moglie in fase di separazione: il giudice ha stabilito, oltre alla condanna a diciotto mesi di reclusione, il risarcimento del danno e una provvisionale – vale a dire un anticipo del risarcimento – di 3.000 euro nei confronti della donna che si è costituita parte civile con l’assistenza dell’avvocato Alba Raguccia. 

V.C. (di cui si omettono le generalità complete per salvaguardare la privacy della vittima) è stato riconosciuto colpevole di maltrattamenti e tentata violazione di domicilio. La pena inflitta sarebbe stata superiore di un terzo se l’imputato, difeso dall’avvocato Tanja Castronovo, non avesse chiesto il giudizio abbreviato.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Maltratta ex moglie, tenta di strangolarla e di sfondarle la porta di casa": condannato

AgrigentoNotizie è in caricamento