Alluvione, Di Caro: "Esa al lavoro per l'emergenza"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

L’Esa, Ente di Sviluppo Agricolo potrà contribuire con i suoi uomini e mezzi a fronteggiare non solo le fasi post emergenza alluvione, ma sarà al costantemente al servizio del territorio per opere di bonifica, messa in sicurezza, scerbatura, pulizia di cunette, canali di scolo e torrenti. Il governo regionale ha accolto favorevolmente la mia proposta e ora Musumeci metta gli operatori nelle condizioni di lavorare già domani. I comuni di Sciacca e Ribera stanno già operando in questa direzione. Invito tutti i comuni colpiti dall’alluvione a fare istanza alla Regione e alla stessa ESA per richiedere gli interventi degli operatori”. A dichiararlo è il parlamentare regionale del Movimento 5 Stelle Giovanni Di Caro a margine dell’incontro di poche ore fa, con gli operatori dell’Esa, Ente di Sviluppo Agricolo a Villaggio Mosè nell’Agrigentino, appena chiamati ad operare proprio dal governo regionale. “Ci sono circa 380 lavoratori - spiega Di Caro - che in questi anni sono praticamente rimasti in panchina. Sono operatori che hanno una gran voglia di mettersi a lavorare e che invece in questi anni sono rimasti praticamente inutilizzati per colpa di una politica e di una burocrazia evidentemente folli. Ci sono mezzi come trattori, camion, ruspe, pale meccaniche ed escavatori che si possono utilizzare già domani. Serve solo che il governo regionale - aggiunge il deputato Ars - ci metta i soldi per il carburante. Morale, abbiamo un esercito di braccia e competenze che possono e vogliono dare man forte ai nostri comuni, sia in questa fase di ricostruzione, sia in quella ordinaria della manutenzione”. Nelle scorse ore, il deputato Ars è stato tra l’altro impegnato in una serie di sopralluoghi insieme al deputato europeo Ignazio Corrao nelle aree colpite dall’alluvione. “L’area dell’Agrigentino - aggiunge Di Caro - piange altri due morti, che vanno a sommarsi ai dieci del Palermitano ed ancora ad un medico dispero sempre in quell’area. Abbiamo trovato strade invase da fango e detriti e proprio mentre cercavamo di spostarci da Burgio a Ribera, le nostre auto sono state letteralmente travolte da fiumi di fango, tanto da costringerci ad una sosta di sicurezza a Calamonaci. Le motivazioni di questa condizione difficile, le conosciamo benissimo, dalla mancata manutenzione, al disboscamento dei terreni. Non ci interessa la polemica, ci interessa metterci tutti a lavoro per migliorare le cose” conclude Di Caro.
 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento