rotate-mobile
Salute / Lampedusa e Linosa

Troppi tumori e malattie cardiache fra i vigili del fuoco: la Uilpa pronta allo stato di agitazione

Il sindacato annuncia una dura presa di posizione se non dovessero arrivare risposte in merito alla richiesta di indagine epidemiologica

Il sindacato Uilpa vigili del fuoco è pronto a dichiarare, a livello provinciale, lo stato di agitazione se non arriveranno risposte sulla richiesta indagine epidemiologica per l'alto numero di casi di tumori e malattie vascolari che interessa il personale in servizio o in pensione dei vigili del fuoco di Lampedusa. Lo scorso luglio, segnalando più di 12 decessi di vigili del fuoco, che prestano o hanno prestato servizio al distaccamento di Lampedusa, dal 1986 e l'alto indice di tumori e malattie cardiache il segretario provinciale Uilpa vigili del fuoco Antonio Di Malta aveva scritto al prefetto di Agrigento, Maria Cocciufa, al capo dipartimento, Laura Lega, al capo del corpo, Giulio Parisi, e all'ufficio di coordinamento delle attività sanitaria e di medicina legale.

"Dal 1986 al 1998, a circa 400 metri dall'attuale sede di servizio aeroportuale vigili del fuoco di Lampedusa, era attivo un radar installato dopo l'attacco missilistico libico del 1986 - aveva segnalato Di Malta - . Nel periodo in cui era operativo il radar, si assisteva a un elevato numero di eventi anomali: interruzioni telefoniche, improvvisi blackout televisivi. In quel periodo, il personale accusava, spesso, forti emicranie, scomparsi quando il radar è stato smantellato". La Uilpa vigili del fuoco aveva chiesto "di mettere in atto verifiche medico-amministrative attraverso un'indagine epidemiologica". Ma a quella richiesta non è mai arrivata nessuna risposta. "Siamo rammaricati e increduli per il silenzio dell'amministrazione in merito ad un problema che sta creando grande preoccupazione - ha scritto oggi Di Malta - . E' dello scorso febbraio il decesso, per arresto cardiaco, di un collega 41enne per anni in servizio a Lampedusa e abbiamo notizia di un altro caso oncologico in corso. In mancanza di risposte sulla richiesta indagine epidemiologica, attueremo - conclude il segretario provinciale della Uilpa vigili del fuoco -  iniziative di lotta per la tutela della salute del personale". 

"Dopo lo stato di agitazione indetto a livello provinciale dai vigili del fuoco per rompere il silenzio sui tumori e le malattie cardiache che colpiscono i pompieri di Lampedusa e sollecitare un’indagine epidemiologica per scoprire le cause dei tumori che hanno colpito in questi anni il personale in servizio sull’isola delle Pelagie, e dopo un’interrogazione parlamentare che arriverà sul tavolo del ministro della salute della difesa e dell’Interno, il Codacons invoca l’istituzione di una commissione parlamentare d’inchiesta per fare luce sulle cause e sulle possibili responsabilità per le gravi patologie che hanno colpito il personale in servizio dei vigili del fuoco di Lampedusa". Lo rende noto Francesco Tanasi professore dell'Università San Raffaele Roma e segretario nazionale Codacons.

"Sotto i riflettori - spiega l’avvocato Carmelo Sardella, dirigente dell’ufficio legale regionale Codacons, è il radar installato nel 1986 nei pressi della caserma dei vigili del fuoco di Lampedusa in conseguenza dell’attacco libico del 15 Aprile 1986 sull’isola e che potrebbe essere la causa delle dodici morti per tumore e malattie cardiache, e fonte di radiazioni su tutta l’isola, ripetuti malori, nonchè di strani e ripetuti fenomeni, come interruzioni telefoniche, ed improvvisi blackout televisivi. Il pericolo delle radiazioni, continua l’Avv. Sardella, e delle subdole conseguenze sulla salute di tutti gli esseri viventi è sempre più di grande attualità e merita la massima attenzione delle istituzioni e della politica su tutto il territorio nazionale. Per far ciò occorre far luce su quanto avvenuto nel recente passato a causa degli effetti dell’esposizione prolungata alle radiazioni elettromagnetiche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppi tumori e malattie cardiache fra i vigili del fuoco: la Uilpa pronta allo stato di agitazione

AgrigentoNotizie è in caricamento