Truffa, associazione a delinquere e traffico di rifiuti: nuova bufera giudiziaria sul raddoppio della statale 640

Notificati avvisi di garanzia, scattano sequestri: nuove pesanti ombre sul completamento della strada

FOTO ARCHIVIO

Peculato, associazione a delinquere, frode in pubbliche forniture e traffico illecito dei rifiuti: una nuova inchiesta giudiziaria si abbatte sulle imprese che stanno lavorando, ormai da troppi anni, al raddoppio della strada statale 640 che, qualora fosse mai completata, collegherà Agrigento con Caltanissetta e lo svincolo per l'autostrada con un tracciato veloce e confortevole.

Dopo i procedimenti degli anni scorsi, ancora in ghiaccio, la Direzione distrettuale antimafia di Caltanissetta ha acceso un faro su uno degli ultimi stralci dei lavori, relativo al rifacimento del ponte San Giuliano, uno degli ultimi viadotti che porta alla galleria che collega con l'autostrada Palermo-Catania.

Nelle scorse ore il sostituto procuratore del tribunale nisseno, Simona Russo, ha delegato ai finanzieri una vasta attività di perquisizione e sequestro facendo notificare, contestualmente al prelievo di documenti, oggetti e materiali, delle informazioni di garanzia. L'indagine, stando ai pochi particolari che circolano da ambienti investigativi, ha portato all'iscrizione nel registro degli indagati dei vertici delle imprese che stanno eseguendo i lavori, con particolare riferimento alla Cmc di Ravenna che, negli anni, ha sostanzialmente ceduto a diverse altre imprese singoli lotti dei lavori o parti degli stessi. Le informazioni di garanzia, come sempre molto "criptate" e sintetiche per non scoprire le carte nella fase decisiva dell'istruttoria degli inquirenti, comunicano un'indagine per una serie molto lunga di reati: innanzitutto il peculato oltre alla frode in pubbliche forniture, il disastro ambientale, il crollo colposo, la truffa aggravata, l'abuso di ufficio, l'associazione a delinquere e il traffico illecito dei rifiuti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le perquisizioni sarebbero state estese, oltre che nelle due province di Agrigento e Caltanissetta, anche in Toscana dove hanno la sede alcuni uffici degli indagati. I finanzieri hanno portato via, pc, documenti e altro materiale relativo ai lavori di raddoppio della strada statale 640.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Gli cade il telefonino, torna indietro e non lo ritrova più: avviate indagini

  • La statua di Camilleri diventa un "giallo": polemiche su donatori e progetto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento