menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ignazio Cutrò

Ignazio Cutrò

Revocata la protezione a Cutrò, Piera Aiello: "Lo Stato non ci tutela in pieno"

La testimone di giustizia, neo eletta alla Camera col M5s: "Non ci piegheremo comunque, saremo al suo fianco"

"Il mio pensiero va ad Ignazio Cutrò e alla sua splendida famiglia che, in questi anni di testimonianza, lo ha supportato, trasmettendogli quel coraggio e quella forza necessari per affrontare il calvario che un testimone di giustizia deve affrontare. La gente può solo immaginarlo, ma testimoniare è un salto nel vuoto senza paracadute!". Lo dice Piera Aiello, testimone di giustizia impegnata in tante battaglie a fianco di Cutrò e neo eletta alla Camera dei deputati col M5s.

Aiello aggiunge: "Lo facciamo solo per quel senso di appartenenza alla nostra terra calpestata e umiliata da quel sistema criminale mafioso che continua a macchiare la dignità dei cittadini Onesti. Lo facciamo per la realizzazione di un sogno che accomuna Noi, Testimoni di Giustizia, la Speranza che la mafia un giorno sia sconfitta. Oggi le istituzioni hanno dimostrato, per l’ennesima volta, che la libertà dei cittadini che offrono la propria vita allo Stato non è pienamente tutelata, e a farne le spese, di questo menefreghismo istituzionale, sono i nostri figli e le nostre famiglie".

La testimone di giustizia prosegue: "Noi, con il M5S, ci preoccuperemo di tutelare quelle persone e quelle famiglie che hanno avuto il coraggio di denunciare il sistema criminale che macchia e che arreca danno alla nostra terra. A Noi non ci piegherete MAI".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento