"Fece sparire milioni di euro dalle sue imprese", condannato imprenditore in odore di mafia

Quattro anni e sei mesi di reclusione sono stati inflitti a Calogero Romano, 63 anni; 2 anni al figlio Leandro

Calogero Romano

Secondo i giudici fece sparire capitali, mezzi e risorse dalle sue imprese con operazioni simulate e distribuzioni di utili indebite: l’obiettivo era far finire tutto in altre aziende del suo stesso gruppo con la sola finalità di sottrarsi ai debiti in vista del fallimento. I giudici della seconda sezione penale, presieduta da Giuseppe Miceli, hanno condannato a 4 anni e 6 mesi di reclusione l'imprenditore di Racalmuto, Calogero Romano, 63 anni, accusato di bancarotta fraudolenta insieme al figlio Leandro al quale sono stati inflitti due anni di reclusione.

Bancarotta, chiesta condanna a 8 anni

Il pubblico ministero Cecilia Baravelli, all’udienza precedente, aveva chiesto 8 anni di reclusione per il padre e 3 anni e 9 mesi per il figlio. Due le imprese al centro delle presunte distrazioni per almeno due milioni di euro: la Mediterranea Cavi e la Ierre nelle quali entrambi sono stati amministratori di fatto e di diritto. 

Il pm Baravelli, peraltro, aveva chiesto anche la trasmissione degli atti al proprio ufficio perché Calogero Romano, sul quale pende un processo in appello per concorso esterno in associazione mafiosa (in primo grado, condanna a 6 anni e mezzo), avrebbe prodotto agli atti una foto con un'intestazione falsificata mostrandola a un teste proprio nell'ultima udienza prima della chiusura del dibattimento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo la requisitoria, i difensori, gli avvocati Pierluigi Cappello e Raffaele Palermo, avevano invece chiesto l'assoluzione sostenendo che "tutte le operazioni sono state compiute in assenza di dolo e che la ricostruzione delle operazioni al centro del processo presenta evidenti lacune". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Cosa fare se si è entrati in contatto con una persona positiva al coronavirus

  • Coronavirus, boom di contagi fra Licata, Sciacca, Porto Empedocle e Raffadali: anche 2 bimbi e una docente

  • Aumentano i contagi da Covid, sospesi i mercatini settimanali: ecco dove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento