rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Mafia

"Fragapane aveva contatti con i politici? Ha deliberato omicidi?" Quaranta traccia l'identikit del giovane boss

Il pentito, davanti ai magistrati della Dda, ricostruisce: "... non ha bisogno di fare le estorsioni perché suo papà gli ha lasciato le posizioni già fatte ... ogni Natale e Pasqua gli portano i soldi ... una cosa fatta 30 anni fa" 

"Fragapane come campa?". "Con il giro della droga e con queste tangenti .. avia i piecuri". Francesco Fragapane è uno degli argomenti cardine dell'interrogatorio del 31 gennaio scorso. Interrogatorio fatto dai Pm della Dda di Palermo a Giuseppe Quaranta, 49 anni, neo collaboratore di giustizia di Favara. 

Francesco Fragapane, 37 anni, figlio dello storico capomafia di Santa Elisabetta Salvatore, da anni ergastolano, è stato arrestato lo scorso 22 gennaio nell'ambito dell'inchiesta antimafia denominata "Montagna". Secondo l'indagine - coordinata dal procuratore di Palermo Francesco Lo Voi, dall'aggiunto Paolo Guido e dai pm Gery Ferrara e Claudio Camilleri - avrebbe ricostituito e retto lo storico mandamento che comprende tutta l'area montana dell'Agrigentino e i paesi di Raffadali, Aragona, Sant' Angelo Muxaro e San Biagio Platani, Santo Stefano di Quisquina, Bivona, Alessandria della Rocca, Cammarata e San Giovanni Gemini.

Pm: "... Essendo una persona che comanda è operativo in concreto o controlla e basta?".

Quaranta: "Certo che è operativo".

Pm: "Quindi si occupa di droga? Poi le estorsioni le gestisce? Quando si possono fare?". 

Quaranta: "Certo se c'è una estorsione nella sua zona". 

Pm: "Ma le va a chiedere lui? O da incarico di andare a chiedere?"

Quaranta: "Da incarico di andare a chiedere". 

Pm: "Quindi controlla tutte le attività, per quello che lei sa Francesco Fragapane contatti con politici, controlla le elezioni questo lei non lo sa?". 

Quaranta: "I politici con queste persone, a questo livello, non hanno contatti personalmente ... dietro le quinte non lo so, ma personalmente al 100 per cento il politico non si va a bruciare in questo modo". 

"Il nome Fragapane è una specie di 'passaporto libero'"

Poco prima, il magistrato della Direzione distrettuale antimafia ha anche chiesto a Quaranta: "Fragapane ha fatto omicidi per quello che lei ne sa? Deliberato omicidi?".

Quaranta: "no.. no".

Pm: "Non lo sa o ...".

Quaranta: "Di quello che so io, sul suo conto, in quel periodo che lui era in contatto con me no". 

Pm: "Però aveva la reggenza di un territorio molto vasto, quindi se succedeva qualcosa?". 

Quaranta: "In quei tre anni che io ero vicino a Fragapane, reggente di Favara e responsabile di Santa Elisabetta, non è successo niente". 

Le dichiarazioni: "Estorsioni e usura al 10 per cento mensile a negozianti e giocatori di carte"

Il Pm, riferendosi a Fragapane, chiede direttamente al neo collaboratore di giustizia: "Materialmente le faceva le estorsioni?". 

Quaranta: "No, ma Fragapane non ha bisogno di fare le estorsioni perché suo papà gli ha lasciato le posizioni per le estorsioni già fatte ... ogni Natale e Pasqua gli portano i soldi ... una cosa fatta 30 anni fa". 

ECCO TUTTI GLI APPROFONDIMENTI

Giuseppe Quaranta si è pentito

L'intercettazione: "Mi sono sdegnato la macchina dello stomaco"

"Mi volevano uccidere, temevano che potessi parlare"

Il declino di Quaranta prima di pentirsi

La "punciuta" e "l'affidamento" del latitante Di Gati

Il travaglio interiore di Quaranta: "Ho rovinato la mia famiglia"

Quaranta: "Ecco la geografia dei mandamenti"

"I vecchi boss considerano Fragapane come un ragazzino raccomandato"

Quaranta: "I paraccari? Devono chiedere il permesso"

Fragapane è in carcere, è il momento di gloria di Quaranta

Le rivelazioni: "Estorsioni e usura a negozianti e giocatori di carte"

Le confessioni: "Troppi arresti, impossibile conoscere tutti"

Quaranta su politica, forze dell'ordine e Matteo Messina Denaro

Quaranta continua a parlare: "Cocaina in credito e nascosta nella spazzatura"

Il pentito è un fiume in piena: "La politica a Favara è libera"

Le accuse al sindaco: "Sabella e Nugara strinsero un'alleanza"

Quaranta apre nuovi squarci investigativi sulla latitanza di Gerlandino Messina

Il pentito sull'ingresso in Cosa Nostra: "Ci misi sulu di sacchetta"

Le rivelazioni su Messina Denaro: "È il capo di Cosa nostra"

Quaranta su Campobello non sa rispondere: "Noi siamo linea Fragapane-Di Gati"

E' stato "posato", cresce la preoccupazione per i figli

Quaranta rivela le ambizioni di Fragapane jr: "Voleva fare il capo provincia, ma ..."

Latitanza gestita a gratis, spiccioli dalle estorsioni e dalla droga

Quaranta riorganizza la "famiglia" di Favara, la protesta dei boss 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Fragapane aveva contatti con i politici? Ha deliberato omicidi?" Quaranta traccia l'identikit del giovane boss

AgrigentoNotizie è in caricamento