menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Rosario Meli

Rosario Meli

Quaranta attacca Saro Meli: "Posato da Cosa Nostra passò alla Stiddra"

Il pentito accusa il presunto capomafia di Camastra: "Lui e i suoi figli criminali senza scrupoli pronti a tutto"

"Rosario Meli e i suoi figli sono criminali senza scrupoli, pronti a tutto". Il pentito Giuseppe Quaranta entra a gamba tesa sul presunto boss di Camastra, imputato nel processo "Vultur" dopo avere scontato una prima condanna per mafia. 

"Mi parlò di lui Rosario Chianetta, lo chiamano 'Saro u puparo' perchè parla bene e sa gestire bene le persone. Le porta dove dice lui con le parole e con i fatti. Il braccio operativo è suo figlio Giuseppe". Il collaboratore di giustizia aggiunge: "Meli inizialmente faceva parte di Cosa Nostra insieme a un suo compare di Camastra di cui non so il nome. Poi hanno litigato e Saro è stato posato da Cosa Nostra e ha fondato un gruppo legato alla Stiddra di Palma di Montechiaro".

Il potere della famiglia Meli sarebbe arrivato, a dire di Quaranta, ben oltre i confini di Camastra. "Giuseppe Meli era un violento, ritirava il pizzo dal Villaggio Mosè a Sciacca e tutti avevano paura di lui". Nonostante Rosario Meli sarebbe entrato a fare parte della cosca rivale di Cosa Nostra, Meli "è sempre rimasto avvicinabile - racconta il pentito - e disponibile per Cosa Nostra". 

L'ex capo della famiglia mafiosa di Favara racconta di non avere mai conosciuto personalmente nessuno della famiglia Meli e che, in sostanza, le sue conoscenze sono dettate dai racconti di Chianetta, presunto affiliato della cosca di Favara. "Saro è anziano, non ho mai visto nè lui nè i suoi figli. Ne ho sentito parlare sui giornali, so che sono dei criminali senza scrupoli. Chianetta mi diceva che Giuseppe Meli ha capacità enormi ed era pronto a tutto. A Camastra comandano i Meli e lo sapevano tutti".

Quaranta, poi, mette in relazione i due personaggi principali dell'inchiesta "Vultur" che sembravano quasi avere agito in maniera slegata fra loro. "Rosario Meli - racconta -è un vecchio amico di Calogero Di Caro. I vecchi mafiosi fra di loro restano sempre in contatto anche se non si muovono perchè sono vecchi o hanno la sorveglianza". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento