rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Mafia

Blitz "Kerkent", il pentito Quaranta: "Militello? Il suo mestiere è fare estorsioni"

Il collaboratore di giustizia: "Liborio aveva tanti problemi e voleva trovare lavoro presso imprese edili, cercavo di fargli capire che non era facile, ma lui chiese il mio intervento in ragione della mia posizione nel contesto mafioso. Mi diceva che Antonio Massimino era un guerriero"

"Non so se Massimino lo ha combinato. Si muove tantissimo. Sono compari con Massimino e Militello riceve ordini da lui e li esegue al volo. Il suo mestiere è fare estorsioni e Militello li fa in nome e per conto di entrambi. Liborio mi diceva che da sempre è vicino ai Massimino". E' il 16 marzo dello scorso anno quando il collaboratore di giustizia Giuseppe Quaranta parla ai magistrati della Dda di Liborio Militello che, all'alba di ieri, è stato raggiunto dall'ordinanza di custodia cautelare nell'ambito dell'inchiesta - della Dia di Agrigento - denominata "Kerkent".  

Il pentito Quaranta: "Massimino si offrì di inserirmi coi Falsoniani" 

"Un certo Liborio, arrestato con Antonio Massimino un annetto fa, di cui al momento non ricordo il nome, che vedevo quando reggevo Favara (quindi nel 2014) e che chiamava Antonio Massimino compare - spiega il collaboratore di giustizia - è inserito nella famiglia mafiosa di Villaseta. Liborio aveva tanti problemi e voleva trovare lavoro presso imprese edili, cercavo di fargli capire che non era facile, ma lui chiese il mio intervento in ragione della mia posizione nel contesto mafioso. Liborio mi diceva che Antonio Massimino era un guerriero".

"Estorsioni mafiose a imprenditori": assolto Massimino, 4 anni a Militello  

"Ho sentito parlare della ditta 'Li Causi', leggendo sul giornale che Massimino e Militello sono andati a recuperare 80.000 euro. In questo caso - spiega Quaranta ai magistrati della Dda - o è una vera e propria estorsione o si prendono i soldi e se ne trattiene una parte. Si tratta di regole ferme di Cosa Nostra".

Operazione "Kerkent", il sindacato MP: "Maggiori umane per le forze dell'ordine"

"Ai fini della valutazione della valenza accusatoria delle dichiarazioni va evidenziato - ha scritto il Gip del tribunale di Palermo che ha firmato l'ordinanza 'Kerken' - che nel contesto della presente indagine è stato effettivamente documentato un incontro tra il Quaranta e Militello". 

Massimino "u nuovo papà", il Gip: "Anche i parenti di Gerlandino Messina si sono assoggettati a lui" 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blitz "Kerkent", il pentito Quaranta: "Militello? Il suo mestiere è fare estorsioni"

AgrigentoNotizie è in caricamento