menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto archivio

foto archivio

"Le mani della stidda sugli affari lombardi", condannato imprenditore

Cade, però, l'accusa di associazione mafiosa per il palmese Salvatore Sambito, riconosciuto colpevole di indebite compensazioni nell'ambito della maxi inchiesta "Leonessa"

Assoluzione per l'accusa di associazione mafiosa, condanna per alcune ipotesi di indebite compensazioni: il gup del tribunale di Brescia, Riccardo Moreschi, ha inflitto 2 anni e 8 mesi di reclusione a Salvatore Sambito, 41 anni, arrestato nell'ambito dell'inchiesta "Leonessa" che, insieme all'indagine gemella "Stella cadente", ha disarticolato una cellula della “Stidda” operante in Lombardia.

Il pm aveva chiesto nei confronti di Sambito (difeso dagli avvocati Domenico Ingrao e Salvatore Lo Destro) la condanna a 9 anni e 4 mesi. Nella doppia operazione, alla fine dell'estate del 2019, scattarono settanta arresti, sequestri per 35 milioni di euro, e il bilancio era di quasi 200 indagati. L’operazione “Leonessa” è stata condotta dalla squadra Mobile e dal Nucleo di polizia economico-finanziaria di Brescia, con il supporto dello Sco della polizia di Stato e dello Scico della Guardia di finanza. Trentacinque le persone arrestate. 

L'indagine "Stella cadente" è stata realizzata della polizia di Stato, con il coordinamento della Procura di Caltanissetta, contro la ‘stidda’ di Gela: le due indagini, in pratica, hanno sgominato le presunte infiltrazioni della mafia siciliana al Nord. In carcere capi, gregari e semplici affiliati della cosca dei Di Giacomo.

Secondo gli investigatori, negli ultimi anni il clan avrebbe preso con la violenza e le estorsioni il controllo su buona parte del territorio, gestendo il traffico di droga, infiltrando l’economia legale con imprese di comodo e imponendo i prodotti delle proprie aziende ai commercianti. Le indagini hanno portato alla luce diverse spedizioni punitive compiute dagli ‘stiddari’ e consentito di ricostruire decine di estorsioni nei confronti di quei commercianti e quegli imprenditori che non volevano sottomettersi al volere del clan e che hanno trovato il coraggio di denunciare. 

Il ruolo di Sambito, tuttavia, è stato ridimensionato con l'assoluzione dall'accusa di mafia e la condanna per alcune operazioni finanziarie illecite. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Giardinetti del campo sportivo: arriva l'adozione da parte di privati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento