Lunedì, 20 Settembre 2021
Mafia

La maxi inchiesta "Xydi" sui fiancheggiatori di Messina Denaro, in Cassazione si decide sulle scarcerazioni

La difesa degli indagati chiede la revoca delle ordinanze cautelari: a gestire il mandamento di Canicattì sarebbe stato l'imprenditore mafioso Giancarlo Buggea e l'avvocato Angela Porcello, sua compagna

L'arresto dell'avvocato Angela Porcello

L'inchiesta antimafia Xydi, che ha stretto il cerchio sull'ultimo superlatitante Matteo Messina Denaro e disarticolato il mandamento mafioso di Canicattì di cui l'avvocato Angela Porcello sarebbe stata la cassiera e braccio destro del compagno Giancarlo Buggea, già pregiudicato per mafia, approda in Cassazione.

I difensori - fra gli altri gli avvocati Giuseppe Barba, Salvatore Manganello, Giovanni Castronovo, Antonino Gaziano, Giacinto Paci e Lillo Fiorello - hanno chiesto alla Suprema Corte di annullare l'ordinanza cautelare emessa dal gip e confermata dal tribunale del riesame.

I pm della Dda Claudio Camilleri, Geri Ferrara e Gianluca De Leo avevano firmato 21 fermi, eseguiti dal Ros il 2 febbraio, nei confronti dei presunti componenti del mandamento mafioso di Canicattì. Nella lista degli indagati anche il superlatitante Matteo Messina Denaro e l'ergastolano boss Giuseppe Falsone.

Nei confronti di Buggea e Porcello era stata confermata la custodia in carcere. I due poliziotti coinvolti - Filippo Pitruzzella, 60 anni, ispettore fino a poche settimane prima dell'arresto in servizio al commissariato di Canicattì e Giuseppe D'Andrea, 50 anni, assistente capo in servizio nello stesso ufficio - erano stati posti agli arresti domiciliari.

La misura nei confronti di D'Andrea - assistito dagli avvocati Daniela Posante e Antonella Arcieri - è stata progressivamente attenuata e, nei mesi scorsi, è tornato libero.

Pitruzzella, - assistito dagli avvocati Salvatore Manganello e Antonino Gaziano - aveva respinto le accuse: gli si contesta il concorso esterno in associazione mafiosa per avere rivelato informazioni riservate su indagini in corso all'avvocato Porcello e a Buggea.

Erano finiti in carcere: Calogero Di Caro, 74 anni, boss di Canicattì; Diego Emanuele Cigna, 21 anni, di Canicattì; Pietro Fazio, 48 anni, di Canicattì; Gregorio Lombardo, 66 anni, di Favara; Gaetano Lombardo, 64 anni; Calogero Paceco, 56 anni, di Naro; Giuseppe Sicilia, 42 anni, di Favara; Luigi Boncori, 69 anni, di Ravanusa; Antonino Chiazza, 51 anni, di Canicattì, Simone Castello, 71 anni, di Villabate; Antonio Gallea, 64 anni, di Canicattì; Giuseppe Giuliana, 55 anni, nato in Francia; Santo Gioacchino Rinallo, 60 anni, di Canicattì. Confermato, invece, il no alla misura in carcere di Giuseppe Pirrera, 62 anni, di Favara; Gianfranco Gaetani, 53 anni, di Naro; Luigi Carmina, 55 anni, di Caltanissetta e Antonino Oliveri, 36 anni, di Canicattì. 

L'ordinanza cautelare, mercoledì mattina, sarà interamente ridiscussa. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La maxi inchiesta "Xydi" sui fiancheggiatori di Messina Denaro, in Cassazione si decide sulle scarcerazioni

AgrigentoNotizie è in caricamento