rotate-mobile
Operazione Mosaico / Favara

La faida sull'asse Favara-Belgio: la vedova Ferraro fa scena muta

I giudici della Corte di assise sospendono i termini di custodia cautelare per Carmelo Vardaro: un carabiniere ricostruisce uno degli agguati al centro del processo

La vedova di Emanuele Ferraro, una delle vittime della faida sgominata con l'operazione "Mosaico", si avvale della facoltà di non rispondere. La moglie del favarese, ucciso a 42 anni l'8 marzo del 2018, in pieno giorno, ha scelto di non rispondere alle domande del pubblico ministero della Dda, Alessia Sinatra, che l'aveva citata come testimone.

Unico imputato di questo troncone, davanti alla Corte di assise presieduta da Alfonso Malato, il 45enne Carmelo Vardaro, uno dei due imputati dell'inchiesta "Mosaico" che non ha scelto il rito abbreviato e, quindi, è stato rinviato a giudizio. Vardaro, nell'ambito dell'indagine sulla faida che fra Favara e il Belgio ha provocato una carneficina con almeno 5 omicidi e una decina di tentati omicidi, è accusato di un omicidio, di due tentati omicidi, di due estorsioni con metodo mafioso e di una serie di episodi satellite.

Il favarese, in particolare, avrebbe cercato di vendicare l'omicidio dell'imprenditore Carmelo Bellavia, condannato per favoreggiamento al boss Gerlandino Messina, uccidendo uno dei killer, ovvero Maurizio Di Stefano: il 14 settembre del 2016, però, in Belgio, nell'abitazione della vittima designata trovano un suo amico - Mario Jakelich - che viene freddato con un colpo di pistola in fronte. Di Stefano viene colpito da alcuni proiettili ma si salva.

Il 23 maggio del 2017 Di Stefano sopravvive a un nuovo agguato nel garage del favarese Carmelo Nicotra che ha la peggio e viene ferito in maniera più grave da alcuni colpi di kalashnikov ai glutei. Vardaro (difeso dall'avvocato Salvatore Virgone) avrebbe commesso i due agguati insieme a Calogero e Antonio Bellavia. Su quest'ultimo agguato ha riferito in aula un luogotenente dei carabinieri che ha scoperto e refertato delle ogive. Il 26 gennaio si torna in aula per sentire in videcollegamento il pentito Giuseppe Quaranta. Intanto i giudici sospendono i termini di custodia cautelare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La faida sull'asse Favara-Belgio: la vedova Ferraro fa scena muta

AgrigentoNotizie è in caricamento