La faida sull'asse Belgio-Favara, cadono alcune accuse per Russotto

Il tribunale del riesame esclude il "metodo mafioso" per due ipotesi di cessione di droga e fa cadere altre due contestazioni in materia di armi

Gerlando Russotto

Il trentunenne Gerlando Russotto, finito in carcere il 15 settembre nell'ambito dell'operazione "Mosaico", che avrebbe fatto luce su quattro omicidi e tre tentati omicidi consumati sull'asse Favara-Belgio, resta in carcere. 

Il tribunale del riesame, al quale si sono rivolti, i difensori - gli avvocati Giuseppe Barba e Salvatore Cusumano - ha, comunque, escluso la sussistenza dei gravi indizi di colpevolezza in relazione a due ipotesi di detenzione illegale di armi e al metodo mafioso contestato in relazione a due ipotesi di cessione di droga. 

L'ordinanza in carcere, comunque, è stata confermata per altre ipotesi di spaccio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • Coronavirus, i positivi continuano ad aumentare: chiuse piazze e vie e stop alle scuole

  • Incidente sulla statale 115: violento scontro frontale fra auto, due feriti in ospedale

  • Coronavirus, nel "valzer" di guarigioni e nuovi contagi c'è una nuova vittima: è un grottese

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento