Mafia

"Traffico di droga per finanziare la mafia", presunto affiliato del clan Massimino torna libero

Il trentottenne Vincenzo Sanzo scarcerato dopo un anno e tre mesi dall'operazione "Kerkent"

"La condotta contestata appare confinata in un contesto non più attuale": con queste motivazioni il gup Fabio Pilato, accogliendo la richiesta del difensore, l'avvocato Salvatore Pennica, ha rimesso in libertà il trentottenne Vincenzo Sanzo, finito in carcere il 4 marzo del 2019, giorno in cui è scattata la maxi operazione Kerkent che ipotizza una riorganizzazione della cosca attraverso il racket delle estorsioni e del traffico di droga che sarebbe stata gestita dal boss Antonio Massimino.

Secondo quanto sostengono i pm Pierangelo Padova e Claudio Camilleri, che avevano chiesto la condanna a 8 anni di reclusione, Sanzo sarebbe stato uno dei punti di raccordo fra il canale palermitano e la "piazza" di Porto Empedocle. Il giudice, ritenendo affievolite le esigenze cautelari, gli ha applicato il solo obbligo di firma da adempiere per tre volte alla settimana.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Traffico di droga per finanziare la mafia", presunto affiliato del clan Massimino torna libero

AgrigentoNotizie è in caricamento