rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Mafia Porto Empedocle

Assolto nella maxi inchiesta antimafia "Kerkent", revocata sorveglianza a 44enne

L'empedoclino Francesco Di Stefano era accusato di avere avuto un ruolo nel traffico di droga gestito dal boss Antonio Massimino. Dopo il proscioglimento gli è stata pure tolta la misura di prevenzione che gli era stata inflitta per 3 anni

Dopo l'assoluzione nel processo scaturito dall'inchiesta "Kerkent", la revoca della misura di prevenzione: i giudici della Corte di appello, ai quali si è rivolto l'avvocato Ninni Giardina, hanno tolto la sorveglianza speciale al 44enne empedoclino Francesco Di Stefano ritenendo che fossero venuti meno i requisiti.

Di Stefano, che ha alle spalle una condanna definitiva per rapina e un'altra per detenzione illecita di droga, era finito a processo, nell'ambito dell'inchiesta "Kerkent" che ha colpito al cuore il clan del boss Antonio Massimino in cui, secondo l'accusa originaria, avrebbe avuto un ruolo nella cellula empedoclina dell'organizzazione dedita al narcotraffico.

L'assoluzione nello stralcio abbreviato del processo, secondo i giudici, ha fatto venire meno le ragioni che stavano alla base del provvedimento che gli applicava 3 anni di sorveglianza speciale. Il decreto che gli imponeva le restrizioni (fra cui l'obbligo di dimora e il divieto di uscire di casa la sera) per 3 anni è stato, quindi, revocato. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assolto nella maxi inchiesta antimafia "Kerkent", revocata sorveglianza a 44enne

AgrigentoNotizie è in caricamento