rotate-mobile
Operazione Condor

Mafia, racket e traffico di droga: chiesto rinvio a giudizio per quindici presunti boss e affiliati

La Dda chiede il processo per i presunti componenti del clan di Favara e Palma: fissata l'udienza preliminare

L'operazione antimafia "Condor", che rappresenta l'ideale continuazione dell'inchiesta "Xydi" che ha avuto nell'avvocato Angela Porcello il principale personaggio e ha portato in carcere i nuovi capimafia di due importanti clan mafiosi della provincia di Agrigento, approderà in aula per l'udienza preliminare. 

I pubblici ministeri della Direzione distrettuale antimafia di Palermo, Alessia Sinatra e Claudio Camilleri, hanno chiesto il rinvio a giudizio di 15 dei 18 indagati iniziali. Il primo passaggio in aula è stato fissato per il 5 luglio davanti al gup Ivana Vassallo.

Il 9 gennaio i carabinieri hanno eseguito l'operazione con 9 arresti fra carcere e domiciliari.

Gli imputati sono: Pasquale Alaimo, 54 anni, di Favara; Baldo Carapezza, 27 anni, di Agrigento; Francesco Centineo, 38 anni, di Agrigento; Antonio Chiazza, 37 anni, di Canicattì; Gioacchino Chiazza, 62 anni, di Canicattì; Giuseppe Chiazza, 51 anni, di Canicattì; Salvatore Curto, 39 anni, di Canicattì; Salvatore Galvano, 52 anni, di Agrigento; Francesco Genova, 43 anni, di Palermo; Giovanni Cibaldi, 35 anni, di Licata; Domenico Lombardo, 30 anni, di Agrigento; Luigi Montana, 40 anni, di Ravanusa; Rosario Patti, 59 anni, di Palma; Nicola Ribisi, 42 anni, di Palma di Montechiaro; Giuseppe Sicilia, 43 anni, di Favara e Ignazio Sicilia, 47 anni, di Favara.

Il personaggio principale dell'indagine è Ribisi, ritentuto il capo della famiglia mafiosa di Palma. Giuseppe Sicilia, ritenuto nell'ambito di altre indagini il capo della famiglia di Cosa nostra di Favara, è accusato di un taglieggiamento ai danni di un'impresa e dell'incendio al deposito dell'impresa di soccorso stradale concorrente di Galvano. Unica accusa, quest'ultima, di cui risponde il fratello Ignazio.

All'udienza preliminare i difensori - fra gli altri gli avvocati Salvatore Pennica, Salvatore Cusumano, Giuseppe Barba, Diego Giarratana, Santo Lucia e Giuseppe Vinciguerra - potranno chiedere il giudizio abbreviato. Nove presunte vittime di estorsioni o attentati incendiari, indicate come parti offese, potranno costituirsi parte civile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mafia, racket e traffico di droga: chiesto rinvio a giudizio per quindici presunti boss e affiliati

AgrigentoNotizie è in caricamento