"Non è più socialmente pericoloso", revocata la libertà vigilata a mafioso ottantenne

Via libera dal magistrato di sorveglianza, Antonino Pirrera torna libero dopo la condanna nell'operazione "Maginot"

Antonino Pirrera

“Considerata l’età avanzata e la condotta complessiva, si può ritenere cessata la pericolosità sociale”. Con queste motivazioni il magistrato di sorveglianza Walter Carlisi ha revocato la misura di sicurezza della libertà vigilata nei confronti del favarese Antonino Pirrera, 77 anni, condannato a 8 anni e 8 mesi di reclusione per associazione mafiosa ed estorsione aggravata nell’ambito dell’operazione “Maginot”.

Pirrera, difeso dagli avvocati Giovanni Castronovo e Chiara Proietto, che aveva già ottenuto di scontare l’ultimo anno della pena in regime di detenzione domiciliare, per ragioni di salute, era stato arrestato il 14 luglio del 2011 nell’ambito della prima inchiesta successiva alla cattura del campobellese Giuseppe Falsone, numero due di Cosa Nostra siciliana fino all’arresto, scattato il 25 giugno del 2010. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • Trovato morto in casa e con strani segni sul corpo, è mistero sulla morte di un 69enne: Procura dispone autopsia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • Scoppia la lite fra due teenager: una ferita, l'altra denunciata

  • "Favori e assunzioni in cambio di informazioni riservate": indagati tre marescialli e due imprenditori

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento