rotate-mobile
Le indagini

Messina Denaro, perquisizioni tra Bagheria e Aspra: carabinieri nella casa dell'ex amante

I militari del Ros hanno perlustrato un immobile di via Milwaukee, un'abitazione di campagna e una torrefazione gestita da Maria Mesi e dal fratello Francesco. Immortalata dalle telecamere dalle telecamere del Comune di Campobello di Mazara l'auto del boss

Perquisizioni sono scattate oggi nel Bagherese nelle abitazioni di Maria Mesi, ex amante del boss Matteo Messina Denaro, e del fratello Francesco Mesi. A eseguirle, secondo quanto riporta il sito dell'Ansa, i carabinieri del Ros. Tra gli immobili perlustrati dai militari dell'Arma ci sono l'abitazione di via Milwaukee ad Aspra, una casa di campagna e una torrefazione gestita dai due mesi.

"Ho incontrato Messina Denaro", i racconti di chi dice di aver visto il boss senza sapere che fosse lui

I fratelli Mesi sono stati indagati, in passato, per aver favorito la latitanza del capomafia. Francesco Mesi patteggiò la pena. La sorella Maria venne arrestata il 14 giugno del 2000. Insieme a lei finirono in carcere altre due persone accusate di essere intestatarie del contratto di affitto di un appartamento in cui Messina Denaro si nascondeva ad Aspra, nel Palermitano.

Maria Mesi fu condannata in primo e in secondo grado per favoreggiamento aggravato alla mafia. Gli investigatori trovarono diverse lettere d'amore che il capomafia e la donna si erano scambiati. La Cassazione annullò l'aggravante sostenendo che il rapporto sentimentale con il boss escludesse l'agevolazione di Cosa Nostra.

Indagati anche i figli dell'autista di Messina Denaro, scoperto un altro piccolo bunker

"L'ho incontrato per strada e mi ha chiesto aiuto", così Andrea Bonafede ha coperto Messina Denaro

"Ha 'prestato' l'identità a Matteo Messina Denaro e gli ha comprato la casa-covo": arrestato il vero Andrea Bonafede

L'arresto di Messina Denaro, è caccia agli altri bunker del boss: perquisite con il georadar diverse abitazioni

Nell'ambito delle indagini sull'ex latitante, catturato lo scorso 16 gennaio, viene fuori inoltre che l'auto di Messina Denaro, la Giulietta nera ritrovata una settimana fa, era stata ripresa dalle telecamere del Comune installate all'esterno del palazzo municipale di Campobello di Mazara, sia sabato 14 gennaio che l'indomani, alla vigilia dell'arresto. Le immagini sono state mostrate durante il programma tv 'Quarto grado' e ieri sera dal Tg2.  Le immagini poco nitide non consentono facilmente l'identificazione della persona alla guida.

Trovata l'auto di Messina Denaro, è una Giulietta nera ed era vicino al terzo covo

Addosso all'autista di Messina Denaro anche "pizzini che potrebbero aprire nuovi scenari"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Messina Denaro, perquisizioni tra Bagheria e Aspra: carabinieri nella casa dell'ex amante

AgrigentoNotizie è in caricamento