menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il vice questore aggiunto, a capo della Dia di Agrigento, Roberto Cilona

Il vice questore aggiunto, a capo della Dia di Agrigento, Roberto Cilona

Controlla il territorio con le estorsioni e getta l'occhio su Canada, Belgio e Germania

Alle ingerenze e commistioni con l'economia sana, la mafia, naturalmente si declina anche nei settori dell'economia illecita: richieste estorsive, pizzo, messa a posto degli imprenditori, usura. Ma anche e soprattutto della droga e prostituzione

La criminalità organizzata Agrigentina si proietta, tradizionalmente, verso il Canada, ma anche verso la Germania ed il Belgio. Emerge anche questo dalla relazione del ministro dell’Interno al Parlamento sull’attività svolta e sui risultati conseguiti dalla Dia nel secondo semestre del 2016. Relazione che è stata illustrata, per grandi linee, questo pomeriggio, dal vice questore aggiunto Roberto Cilona, a capo della Dia di Agrigento. 

"Nell'era della mobilità e della facilità di mobilità nel circuito europeo, si muovono capitali, imprenditori, ma si muove anche il crimine organizzato, con una molta agilità" - ha commentato il vice questore aggiunto Cilona - .  

VEDI LA VIDEO INTERVISTA: "La mafia è forte ed economicamente aggressiva"

La Dia si occupa del contrasto del fenomeno mafioso in tutti i suoi aspetti, ma anche di una analisi del fenomeno in chiave di studio del fenomeno e di previsione degli andamenti della mafia sul territorio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento