rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Mafia Racalmuto

"Fece affari con i boss del paese", via libera alla perizia al processo di appello

I giudici hanno sciolto la riserva accogliendo la richiesta del sostituto procuratore generale

Una perizia per ricostruire i flussi finanziari delle imprese riconducibili all’imprenditore di Racalmuto, Calogero Romano, 62 anni, condannato in primo grado a 6 anni e 6 mesi di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa. Per i giudici della Corte di appello di Palermo, il nuovo atto istruttorio - sollecitato dal sostituto pg Rita Fulantelli - è “indispensabile ai fini della decisione”.

Ad occuparsi dell’accertamento sarà il commercialista Alessandro Polizzotto. Il processo è stato rinviato al 23 ottobre per consentire a tutte le parti di nominare un proprio consulente. In precedenza, invece, i giudici hanno rigettato la richiesta del pg di riapertura dell’istruttoria per produrre il provvedimento, emesso dalla sezione Misure di prevenzione del tribunale, che disponeva il sequestro di beni per 120 milioni di euro nei confronti dell’imputato.

L’avvocato Salvatore Pennica, difensore dell’imprenditore, si era opposto anche alla seconda richiesta: i giudici della Corte di appello, ieri, hanno sciolto la riserva. Slitta ancora, quindi, la sentenza di appello. Romano, il 19 febbraio di due anni fa, è stato condannato dai giudici della prima sezione del tribunale di Agrigento a 6 anni e 6 mesi di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa. Il sostituto pg Rita Fulantelli, in precedenza, aveva chiesto la conferma del verdetto. Romano, secondo i giudici, fece affari con i boss del suo paese.

Romano era stato condannato pure a risarcire l'ormai ex Provincia regionale di Agrigento, il Comune di Racalmuto e la Regione Siciliana che si sono costituiti parte civile con l'assistenza degli avvocati Daniela Posante, Ignazio Valenza e Francesco Mulieri. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Fece affari con i boss del paese", via libera alla perizia al processo di appello

AgrigentoNotizie è in caricamento