Mafia

Mafia, "colpo" ai fedelissimi di Messina Denaro: fra i fermati anche un agrigentino

Andrea Ingraldo è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, secondo la Dda avrebbe assunto fittiziamente Nicolò Pidone (ritenuto - da investigatori e inquirenti - il personaggio chiave dell'inchiesta) per far figurare l'esistenza di una regolare posizione lavorativa e attenuare la misura di sicurezza

C'è anche un imprenditore agricolo di origini agrigentine, Andrea Ingraldo, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, fra i  13 fermati ritenuti insospettabili fedelissimi del boss Matteo Messina Denaro. Lo riporta l'Ansa. Ingraldo è accusato di aver assunto fittiziamente Nicolò Pidone (ritenuto - da investigatori e inquirenti - il personaggio chiave dell'inchiesta) per far figurare l'esistenza di una
regolare posizione lavorativa e attenuare la misura di sicurezza. 

Il blitz della polizia nel Trapanese è scattato nei confronti di una serie di presunti mafiosi molti dei quali vicini al numero uno di Cosa Nostra, il boss Matteo Messina Denaro. Tredici appunto i provvedimenti di fermo emessi dai magistrati della Dda di Palermo che centinaia di agenti delle squadre mobili di Palermo e Trapani, supportati da quelli del Servizio centrale operativo, hanno eseguito. Venti gli
indagati tra i quali anche il sindaco di Calatafimi Segesta, accusato di corruzione elettorale ed estorsione, e diversi imprenditori.

Nicolò Pidone, già condannato per associazione mafiosa, è stato ritenuto - da investigatori e inquirenti - il personaggio chiave dell'inchiesta. Pidone, ritenuto a capo della cosca di Calatafimi, organizzava summit di mafia in una dependance fatiscente vicina alla sua masseria; lì venivano assunte le principali decisioni che riguardavano il clan, secondo gli investigatori. Tra gli indagati anche altri condannati per mafia. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mafia, "colpo" ai fedelissimi di Messina Denaro: fra i fermati anche un agrigentino

AgrigentoNotizie è in caricamento