menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mafia, la maxi inchiesta "Montagna": ultime arringhe prima del verdetto

I difensori di Antonino Vizzì: "Impensabile che sia stato il capo della famiglia di Raffadali"

“Si fa davvero fatica a credere che Antonino Vizzì possa essere stato non solo mafioso ma addirittura il capo della famiglia di Raffadali. Stiamo parlando di un uomo che per oltre mezzo secolo è rimasto incensurato e addirittura gli è stato pure dato il porto di armi”.

Ultime arringhe al processo scaturito dalla maxi inchiesta “Montagna” che il 22 gennaio dell’anno scorso avrebbe azzerato il nuovo organigramma mafioso di gran parte della provincia di Agrigento. Questa mattina, fra gli altri, hanno illustrato le loro arringhe gli avvocati Giovanni Castronovo e Salvatore Salvago, chiedendo l’assoluzione del raffadalese, 54 anni, ritenuto il capo della famiglia mafiosa del suo paese, nei cui confronti i pm della Dda Alessia Sinatra e Claudio Camilleri hanno chiesto la condanna a 20 anni di reclusione. Il 25 luglio è in programma la sentenza. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Danneggia la rotonda del Quadrivio e fugge via: "beccato" dalle telecamere

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Coronavirus

Attualità

L'accademia delle Belle arti dona quindici quindici quadri al Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Un agrigentino a "Uomini e donne", Gero Natale debutta su Canale 5

  • Sport

    L'ex "portierone" Daniele Indelicato vola a Dubai: affiancherà Sosa

Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento