menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I principali imputati del processo "Nuova Cupola"

I principali imputati del processo "Nuova Cupola"

Mafia, maxi inchiesta "Nuova Cupola": chieste 13 condanne all'appello "bis"

Il pg Rosalia Cammà ha proposto, nella quasi totalità dei casi, pene più severe rispetto al precedente verdetto

Tredici condanne, quasi tutte superiori rispetto a quelle che erano state inflitte al termine del primo processo di secondo grado. Il sostituto procuratore generale di Palermo, Rosalia Cammà, all’apertura dell’appello “bis”, scaturito dall’operazione antimafia Nuova Cupola che il 26 giugno del 2012 ha disarticolato le nuove famiglie mafiose della provincia di Agrigento, formula subito le richieste conclusive per i tredici imputati, tornati in appello dopo la sentenza della Cassazione.

Nell’elenco ci sono tutti i personaggi principali dell’inchiesta. A partire dal sambucese Leo Sutera, 67 anni, ritenuto il successore di Giuseppe Falsone al vertice di Cosa nostra provinciale. La condanna a 3 anni è definitiva ma il pg ha chiesto di condannarlo a 6 anni ritenendo che sussista l’aggravante del riciclaggio delle risorse economiche. Pene più severe pure per i principali punti di riferimento del nuovo capo provincia che sarebbero stati Francesco Ribisi, 34 anni di Palma, e Giovanni Tarallo, 31 anni, di Santa Elisabetta.

Per il palmese, ritenuto il numero due di Cosa Nostra, i giudici della Cassazione avevano accolto in parte il ricorso dei difensori (gli avvocati Daniela Posante e Valerio Vianello) annullando con rinvio la condanna per l’estorsione alla gelateria Le Cuspidi e disponendo una nuova valutazione su alcune attenuanti e sul calcolo della pena. Al tempo stesso, però, il processo era stato rimandato in Corte di appello per valutare la sussistenza dell’aggravante del riciclaggio: il pg ha chiesto di aumentare la pena a 16 anni e 10 mesi. Situazione uguale per Tarallo (difeso dagli avvocati Giuseppe Barba e Nico D’Ascola), suo braccio destro, che in appello era stato condannato a 13 anni e 6 mesi: il pg, ieri pomeriggio, ha chiesto 16 anni e 8 mesi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giardinetti del campo sportivo: arriva l'adozione da parte di privati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento