rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Mafia San Biagio Platani

Mafia, inchiesta "Montagna": dopo l'arresto si è dimesso il sindaco Sabella

La decisione in corrispondenza dell'udienza al tribunale del riesame anche per convincere i giudici dell'attenuazione delle esigenze cautelari

Il sindaco di San Biagio Platani, Santo Sabella, arrestato il 22 gennaio nell'operazione antimafia "Montagna", si è dimesso. La scelta di farsi da parte, dopo la sospensione decisa dalla Prefettura in base alla legge Severino, è stata formalizzata a poche ore dall'udienza al tribunale del riesame di questa mattina dove i difensori, gli avvocati Antonino Gaziano e Vincenza Gaziano, hanno chiesto l'annullamento dell'arresto per concorso esterno in associazione mafiosa.

Mafia, la Prefettura sospende il sindaco arrestato

Sabella, secondo la Dda, avrebbe stretto accordi con il boss del paese Giuseppe Nugara (anche per lui, questa mattina, c'è stata l'udienza al tribunale della libertà e i difensori Antonino Gaziano e Domenico Testasecca hanno chiesto la scarcerazione) in occasione delle elezioni amministrative del 2014.

La difesa: "Nessun patto con i boss, scarceratelo"

Nugara gli avrebbe portato dei voti e Sabella avrebbe ricambiato il favore assicurando dei posti di lavoro a persone vicine alla famiglia mafiosa. Nugara, inoltre, gli avrebbe assicurato il sostegno in consiglio comunale attraverso l'appoggio di una consigliera, fatta eleggere con i suoi voti, che gli consentì di raggiungere la maggioranza.

Sabella si era già difeso, in occasione dell'interrogatorio di garanzia, smentendo l'interpretazione data dagli inquirenti alle sue frasi intercettate.

La difesa di Sabella deve anche fare i conti con le rivelazioni del nuovo pentito Giuseppe Quaranta. Il giudizio dei legali è tranciante: "Non sa nulla su Sabella, racconta solo un episodio che ha letto nell'ordinanza".

Quaranta accusa Sabella: "Strinse un'alleanza con Nugara"

In mattinata è stato discusso anche il ricorso dell'avvocato Francesco Carrubba, difensore del presunto boss Francesco Fragapane, 38 anni, di Santa Elisabetta. Il figlio di Salvatore, capomafia degli anni Novanta, chiamato il "Riina di Agrigento" per la sua spiccata adesione alla politica stragista, dopo avere scontato una condanna per mafia nell'ambito dell'operazione "Sicania", avrebbe fatto il salto diventando, di fatto, il referente mafioso di un ampio versante della provincia. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mafia, inchiesta "Montagna": dopo l'arresto si è dimesso il sindaco Sabella

AgrigentoNotizie è in caricamento