rotate-mobile
Mafia Porto Empedocle

Traffico di droga per conto del boss Massimino, indagato: "Sono solo un consumatore"

Il commerciante Angelo Cardella, 45 anni, si difende e prova a smentire l'accusa con delle analisi

“La droga l’acquistava per uso personale, lo ha ammesso lui stesso. Per il resto c’erano solo rapporti personali e amicali con Massimino ma non aveva alcun ruolo nei suoi presunti affari illeciti”.

Il commerciante Angelo Cardella, 45 anni, di Porto Empedocle, arrestato il 4 marzo nell'operazione "Kerkent", si era difeso così davanti ai giudici del tribunale del riesame dall'accusa di far parte della rete di narcotraffico messa in piedi - sostiene l'accusa - dal boss Antonio Massimino. I giudici non gli hanno creduto, l'indagato - attraverso i suoi difensori, gli avvocati Santo Lucia e Marco Tringali - prova a fargli cambiare idea producendo delle analisi cliniche che confermerebbero l'uso di sostanze stupefacenti. 

Il nuovo atto istruttorio sarà consegnato agli inquirenti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traffico di droga per conto del boss Massimino, indagato: "Sono solo un consumatore"

AgrigentoNotizie è in caricamento