Faida sull'asse Belgio-Favara, al via gli accertamenti sulle armi

Il sospetto degli inquirenti è che possano essere state utilizzate per l'agguato fallito ai danni del favarese Carmelo Nicotra

I plichi erano stati aperti nelle scorse settimane, le armi e le munizioni sono adesso a disposizione dei consulenti di procura e difesa: gli inquirenti sperano di trovare quelle risposte che servono a fare chiudere il cerchio nell’inchiesta sulla faida mafiosa sull’asse Favara-Belgio che ha lasciato sull’asfalto quattro morti e due feriti.

Sono iniziati ieri mattina, al Gabinetto di polizia scientifica, gli accertamenti sul fucile e sulla pistola sequestrati, lo scorso agosto, al favarese Gerlando Russotto, 29 anni, arrestato con l'accusa d'aver preso parte ad un agguato - in Belgio - ai danni del ristoratore Saverio Sacco. Il sospetto degli inquirenti è che le armi possano essere state utilizzate per l'agguato fallito ai danni del favarese Carmelo Nicotra, 36 anni, avvenuto il 23 maggio del 2017, in via Torino, a Favara. Se gli accertamenti lo dovessero confermare, arriverebbe un riscontro significativo ad alcune ipotesi investigative.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel registro degli indagati, nel novembre del 2017, sono finiti: Calogero e Antonio Bellavia di 28 e 45 anni, Calogero ed Emanuele Ferraro, di 40 e 41 anni e Carmelo Vardaro di 40 anni. Su di loro pende l’accusa di tentato omicidio aggravato e ricettazione. L'8 marzo scorso la scia di sangue si è ulteriormente allungata con l'omicidio di Emanuele Ferraro. Nelle settimane scorse la Dda ha iscritto sul registro degli indagati prima Russotto e poi altre due persone: sono i favaresi Francesco Di Benedetto, 28 anni e Michelangelo Bellavia, 30 anni. Il primo è accusato di detenzione aggravata di armi, mentre Bellavia è indagato per tentato omicidio e detenzioni di armi. Per tutti gli indagati (difesi dagli avvocati Salvatore Virgone, Salvatore Pennica e Giacomo La Russa, Nicotra in qualità di parte offesa è assistito da Salvatore Cusumano) è stato disposto il prelievo salivare e adesso sono iniziati gli accertamenti sulle armi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 59 nuovi positivi nell'Agrigentino: ci sono anche insegnanti e studenti, è raffica di scuole chiuse

  • Regione, firmata l'ordinanza: centri commerciali e outlet chiusi la domenica pomeriggio e coprifuoco dalle 23

  • Cosa fare se si è entrati in contatto con una persona positiva al coronavirus

  • Coronavirus: "pioggia" di casi tra Agrigento, Favara, Ribera e Sciacca

  • Coronavirus, boom di contagi fra Licata, Sciacca, Porto Empedocle e Raffadali: anche 2 bimbi e una docente

  • Aumentano i contagi da Covid, sospesi i mercatini settimanali: ecco dove

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento