rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023
Mafia

"Era tornato a capo delle famiglie mafiose", convalidato il fermo di Sutera

Il gip di Sciacca ratifica il provvedimento della Dda e dispone la custodia in carcere per il sessantanovenne "professore" di Sambuca

Fermo convalidato e custodia in carcere, gli atti sono stati poi trasmessi - come da prassi - alla Procura di Palermo perchè è il tribunale del capoluogo che ha la competenza.

"Era tornato a gestire gli affari di Cosa Nostra", nuovo fermo per Sutera

Il gip di Sciacca Rosario Di Gioia ha ratificato il provvedimento di fermo di indiziato di delitto che i pm della Dda Alessia Sinatra, Claudio Camilleri e Geri Ferrara hanno emesso nei giorni scorsi e, lunedì all'alba, è stato eseguito dai poliziotti della squadra mobile e dello Sco nei confronti del sessantottenne Leo Sutera, di Sambuca di Sicilia, vecchio boss tornato libero da tre anni dopo due condanne.

Ecco chi è il "professore"

Sutera, assistito dall'avvocato Carlo Ferracane, durante l'interrogatorio di convalida del fermo, si è difeso dicendo di non avere avuto alcuna intenzione di fuggire e che i suoi interessamenti per fare lavorare imprese e maestranze erano solo dettati da amicizie personali e nulla c'entravano con Cosa Nostra. Sutera, in particolare, nel 2016 si sarebbe attivato per fare lavorare due suoi amici imprenditori, scalzando un'azienda di Milano, in un cantiere nel quartiere Saraceno di Sambuca dove si stava lavorando alla realizzazione di quaranta alloggi.   

"Appalti pilotati? Macchè, solo favori ad amici"

I pm, invece, ritengono che Sutera, tornato libero il 7 agosto del 2015, dopo avere scontato la seconda condanna per associazione mafiosa, si fosse messo subito al "lavoro" tornando a gestire il mandamento di Sambuca di Sicilia e diventando il boss principale della provincia di Agrigento, ruolo che aveva ricoperto fino al 26 giugno del 2012, giorno dell'operazione "Nuova Cupola".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Era tornato a capo delle famiglie mafiose", convalidato il fermo di Sutera

AgrigentoNotizie è in caricamento