menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giuseppe Falsone, fotografato dopo l'arresto

Giuseppe Falsone, fotografato dopo l'arresto

"Ha reciso i legami con Cosa Nostra", chiesta revoca del 41 bis per il boss Falsone

La difesa ha impugnato in Cassazione la decisione di mantenere il "carcere duro" per l'ex numero 2 della mafia siciliana

"Da anni ha mostrato di avere reciso ogni legame con Cosa Nostra, nessuna indagine ha fatto sospettare dell'esistenza di contatti con l'organizzazione criminale": la difesa del boss Giuseppe Falsone, catturato dalla polizia a Marsiglia, il 25 giugno del 2010, dopo oltre un decennio di latitanza, conclusa con la fuga all’estero dove si era rifatto una vita, prova a chiedere la revoca del 41 bis al quale, ininterrottamente, è sottoposto da un decennio. Il tribunale di sorveglianza di Roma, nelle scorse settimane, ha rigettato la richiesta sostenendo che "il rischio di contatti con l'esterno è ancora sussistente".

Il suo legale Angela Porcello ci riprova in Cassazione dove, nelle scorse ore, si è tenuta l'udienza per discutere il ricorso. La decisione è attesa a breve.
Falsone, quando fu arrestato, era a capo di Cosa Nostra agrigentina e, secondo gli inquirenti, era il numero due in Sicilia, per spessore e prestigio criminale, conquistato sul campo contro il suo grande rivale, il racalmutese Maurizio Di Gati che fu pure costretto a ritirarsi e collaborare con la giustizia dopo l’omicidio del suo braccio destro Carmelo Milioti, assassinato – pare – dallo stesso Falsone, dal barbiere, per dargli un segnale. Falsone, nel maxi processo Akragas, fu condannato all’ergastolo per l’omicidio dello stiddaro Salvatore Ingaglio che, tredici anni prima, gli aveva ucciso il padre e il fratello.

Sfuggì alla cattura nel 1999 e fu condannato all’ergastolo nel 2004. Dopo l'arresto e l’estradizione ha iniziato a scontare la pena del carcere a vita, al 41 bis, col periodo di isolamento di diciotto mesi. La procura generale, di recente, dopo avere aggiornato il quadro delle condanne, chiedeva l’aggravamento dell’isolamento diurno che la Corte di appello ha rigettato. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento